sabato 17 giugno 2017

Come essere apostoli della Divina Misericordia

Tra le forme di devozione alla Divina Misericordia non possiamo certo dimenticare l'impegno alla diffusione del culto della Misericordia, poiché‚ anche a questa forma sono legate promesse.
Anche questa è una vocazione autentica che trae origine e forza nella grazia di Gesù.
A tutti Gesù promette protezione materna durante l'intera esistenza e "tutte le anime che adoreranno la Mia misericordia e ne diffonderanno il culto (...) queste anime nell'ora della morte non avranno paura. La Mia misericordia le proteggerà in quell'ultima lotta".
A tutti sono dirette dunque due promesse:
  • la prima riguarda la protezione materna in tutta la vita;
  • la seconda riguarda l'ora della morte.
Un particolare invito Gesù rivolge ai sacerdoti assicurando che "i peccatori induriti si inteneriranno alle loro parole, quando essi parleranno della Mia sconfinata misericordia e della compassione che ho per loro nel Mio Cuore".
Gesù non definisce - oltre all'omelia - altri modi di diffusione del culto della Misericordia, dunque essi possono essere intesi abbastanza largamente. Essere apostolo della Misericordia di Dio significa innanzitutto dare testimonianza di vita nello spirito di fiducia in Dio e di misericordia verso il prossimo. Tale esempio ci ha lasciato suor Faustina, esempio che attira gli altri alla fiducia totale in Dio infinitamente buono e onnipotente, e a fare atti di carità verso il prossimo.

Nessun commento:

Posta un commento