mercoledì 7 settembre 2016

Sei stata tu a proporre di soffrire per lui, e adesso non lo vuoi?

Suor Faustina pregava molto spesso per il suo confessore, Don Michele Sopocko, e per lui si immolava, chiedendo a Gesù Misericordioso di alleggerire il fardello del reverendo padre caricandolo su di lei.
Una volta, però, la sofferenza che si trovò a patire al posto di Don Sopocko le parse così grande da non poterla sopportare, finché si decise a chiedere l'aiuto di Gesù...

Dalle memorie di Don Michele Sopocko.
Presto iniziarono le grandi difficoltà predette da Suor Faustina (dato il mio soggiorno presso la chiesa di San Michele). Queste difficoltà aumentarono sempre più fino a giungere a un punto culminante nel gennaio del 1936.

Di queste difficoltà non parlai quasi con nessuno, e soltanto durante un giorno critico chiesi a Suor Faustina di pregare. Con mio grande stupore, lo stesso giorno, tutte le difficoltà svanirono come una bolla di sapone. Suor Faustina mi disse di aver preso su di sé le mie sofferenze e quel giorno ne sperimentò così tante, come non successe mai in tutta la sua vita. Poi, quando chiese aiuto a Gesù si sentì rispondere: "Sei stata tu a proporre di soffrire per lui, e adesso non lo vuoi? Ho permesso che tu sperimentassi solo una parte delle sue sofferenze". In questo luogo con estrema precisione mi disse quale era la causa delle mie difficoltà. Il tutto le sarebbe stato comunicato in modo soprannaturale. Me lo disse con una precisione sconvolgente, tanto più che non poteva in nessun modo conoscere i particolari. Ci furono anche altri casi simili.

Nessun commento:

Posta un commento