venerdì 31 ottobre 2014

La nostalgia delle anime del Purgatorio

Questa sera è venuta da me una delle suore defunte: mi ha chiesto un giorno di digiuno e di offrire per lei in quel giorno tutte le pratiche di pietà. Le ho risposto che ero d'accordo.
Il giorno dopo fin dal mattino ho espresso l'intenzione di offrire tutto a favore di quella suora. 
Durante la santa Messa per un momento ho vissuto il suo tormento, ho provato nell’anima una fame così grande di Dio che mi sembrava di morire per il desiderio di unirmi a Lui. 
La cosa è durata un breve momento, ma ho capito che cos'è la nostalgia delle anime del purgatorio. 
Subito dopo la santa Messa ho chiesto alla Madre Superiora il permesso per il digiuno, ma non l'ho ottenuto perché sono ammalata. Quando sono entrata in cappella, ho sentito queste parole: «Se lei, sorella, avesse digiunato, avrei ottenuto il sollievo soltanto questa sera, ma per l'obbedienza, che le ha proibito di digiunare, ho ottenuto il sollievo immediatamente. L'obbedienza ha un grande potere». Dopo tali parole udii: «Dio gliene renda merito».
Diario di Suor Faustina, 9 settembre 1937

Nessun commento:

Posta un commento