giovedì 29 marzo 2018

Ti darò una piccola parte della Mia Passione

Giovedì Santo. 25 Marzo 1937.
Durante la santa Messa ho visto il Signore, che mi ha detto: «Posa il tuo capo sul Mio petto e riposati». Il Signore mi strinse al Suo Cuore e disse: «Ti darò una piccola parte della Mia Passione, ma non temere, sii forte; non cercare sollievo, e accerta tutto sottomettendoti alla Mia volontà»
Mentre il Signore se ne andava, un dolore così acuto mi strinse l'anima, che non è possibile esprimerlo. Mi vennero a mancare le forze fisiche, uscii presto dalla cappella e mi coricai. Dimenticai quello che avveniva intorno a me, l'anima mia anelava al Signore e tutta l'amarezza del Suo Cuore divino si comunicò a me. Ciò durò circa tre ore. 
Pregai il Signore perché mi preservasse dalla vista di quanti mi stavano attorno. 
Benché lo volessi, non potei prendere alcun cibo per tutto il giorno fino alla sera. Desideravo ardentemente passare tutta la notte nel fondo della prigione oscura, assieme a Gesù. Ho pregato fino alle undici.
Alle undici Gesù mi ha detto: «Va' a riposare, ti ho fatto rivivere per tre ore quello che ho sofferto per una notte intera». 
E subito dopo mi sono messa a letto. Ero completamente senza forze fisiche: la Passione di Gesù, me le aveva tolte del tutto. Per tutto quel tempo ero rimasta come svenuta; ogni palpito del Cuore di Gesù si ripercuoteva nel mio cuore e mi trapassava l'anima. Di certo se quel martirio avesse riguardato soltanto me, avrei sofferto di meno, ma quando guardavo Lui, che il mio cuore ama con tutte le forze, a vederLo soffrire senza avere la minima possibilità di recaGli sollievo, il mio cuore si spezzava nell'amore e nell'amarezza. Agonizzavo con Lui e non potevo morire. 
Però non cambierei questo martirio per tutte le delizie del mondo. Il mio amore in questa sofferenza si è accresciuto in maniera indicibile. So che il Signore mi ha sostenuto con la Sua onnipotenza, poiché diversamente non avrei potuto resistere nemmeno un istante. Ho vissuto insieme a Lui in maniera singolare ogni genere di tormenti. 
Il mondo non conosce ancora tutto quello che Gesù ha sofferto. 
Gli ho fatto compagnia nell'Orto degli Ulivi e nel buio della prigione sotterranea, negli interrogatori dei tribunali; sono stata con Lui in ogni tappa della Sua Passione; non è sfuggito alla mia attenzione un solo movimento, né un Suo sguardo. 
Ho conosciuto tutta l'onnipotenza del Suo amore e della Sua Misericordia verso le anime.

Nessun commento:

Posta un commento