lunedì 25 febbraio 2019

Ho fiducia in Te, o Dio misericordioso

Ecco tutta l'essenza dell'essere cattolici, la completa e inossidabile, inestinguibile fiducia nel disegno di Gesù per noi.
Dal Diario di Suor Faustina (1-3-1936):
Non è tutto segreto per me quello che dovrò passare, ma, con piena consapevolezza, accetto tutto quello che mi manderai, o Signore.
Ho fiducia in Te, o Dio misericordioso e desidero mostrare io per prima, quella fiducia che esigi dalle anime. 
O Verità eterna, aiutami ed illuminami lungo le strade della vita e fa' che si adempia in me la Tua volontà. 
Non desidero nulla, solo fare la Tua volontà, o mio Dio; non importa se mi sarà facile o mi sarà difficile.

domenica 24 febbraio 2019

Povera casa, dove tutti stanno bene!

A volte la disperazione ci assale perché nella nostra famiglia ha fatto il suo ingresso la prova della malattia. A volte una prova grave! Ma quella prova l'ha permessa Gesù per i Suoi disegni, per il Regno di Dio. E per quella prova sono disposte anche grandissime grazie. Ecco cosa ci dice Suor Faustina nel Diario:
Nelle persone ammalate o sofferenti, dobbiamo scorgere Gesù inchiodato in croce e non un parassita o un membro improduttivo. 
L'anima che soffre e accetta la volontà di Dio attira più benedizioni che non le persone che lavorano. 
Povera casa, dove tutti stanno bene! 
Dio concede molto spesso grazie grandi e numerose in considerazione delle persone sofferenti e allontana molti castighi unicamente per riguardo a loro.

sabato 23 febbraio 2019

Abbi un grande amore per coloro che ti fanno soffrire

L'impresa più grande: amare chi ci fa soffrire.
Grande, ma anche preziosa perché capace di conquistarci il Paradiso.
Dal Diario di Suor Faustina:
Durante la santa Messa ho visto Gesù disteso in croce che mi ha detto: «Mia discepola, abbi un grande amore per coloro che ti fanno soffrire, fa' del bene a coloro che ti odiano».
Ho risposto: «O mio Maestro, Tu vedi bene che non ho sentimenti d'amore per loro, e questo mi rattrista». 
Gesù mi ha risposto: «Il sentimento non è sempre in tuo potere. Da questo riconoscerai se hai amore, se dopo aver ricevuto dispiaceri e contrarietà, non perdi la calma, ma preghi per coloro dal quali hai ricevuto le sofferenze e desideri per loro il bene».

venerdì 22 febbraio 2019

22 febbraio 1931

Plock, Polonia 22 Febbraio, 1931.
La sera, stando nella mia cella, vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire, mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro pallido. Muta tenevo gli occhi fissi sul Signore; l’anima mia era presa da timore, ma anche da gioia grande. Dopo un istante, Gesù mi disse: Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù, confido in Te. Desidero che questa immagine venga venerata prima nella vostra cappella, e poi nel mondo intero. Prometto che l’anima, che venererà quest’immagine, non perirà. Prometto pure già su questa terra, ma in particolare nell’ora della morte, la vittoria sui nemici.

Gesù Misericordioso appare a Suor Faustina, 22 febbraio 1931

Il Diario di Suor Faustina, Plock, Polonia 22 Febbraio, 1931.
La sera, stando nella mia cella, vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire, mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro pallido. Muta tenevo gli occhi fissi sul Signore; l’anima mia era presa da timore, ma anche da gioia grande.
Dopo un istante, Gesù mi disse: Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù, confido in Te.
Desidero che questa immagine venga venerata prima nella vostra cappella, e poi nel mondo intero. Prometto che l’anima, che venererà quest’immagine, non perirà. Prometto pure già su questa terra, ma in particolare nell’ora della morte, la vittoria sui nemici.

(...) Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l’immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia. Desidero che i sacerdoti annuncino la Mia grande Misericordia per le anime dei peccatori.

martedì 19 febbraio 2019

Sono Re di Misericordia

Con la mia Misericordia inseguo i peccatori su tutte le loro strade ed il mio Cuore gioisce quando essi ritornano da me.
Dimentico le amarezze con le quali hanno abbeverato il mio Cuore e sono lieto per il loro ritorno…
Dì ai peccatori che li attendo sempre, sto in ascolto del battito del loro cuore per sapere quando batterà per me.
Gesù a Suor Faustina
Diario

domenica 17 febbraio 2019

Anche i cuori di ghiaccio si possono infiammare

Quando leggo queste parole del Diario, so bene quanto esse siano vere, perché io stesso ne ho provato sull'anima la forza e la misericordia. Perciò prego sempre che Gesù mi renda un piccolo strumento della Sua misericordia.
Dal Diario di Suor Faustina:
Il Santissimo Sacramento era solennemente esposto sull'altare. 
All'improvviso, dall'Ostia vidi uscire due raggi uguali a quelli che si trovavano dipinti sull'immagine. 
Suore e allieve stavano inginocchiate in adorazione. I due raggi si riflettevano su ciascuna, ma non su tutte in modo uguale: sopra alcune, essi si delineavano appena. 
Domandai a Gesù che si degnasse di riscaldare con la Sua misericordia le anime tiepide, fredde e indifferenti. 
Sotto l'azione di quei raggi, so che cuori anche di ghiaccio si possono infiammare e possono sgretolarsi come polvere anche se fossero di sasso.

venerdì 15 febbraio 2019

Il Beato Don Sopocko ricorda Suor Faustina

Ci sono delle verità di fede che sembrano esser conosciute, di cui si parla spesso, ma senza capirle e tantomeno viverle. E così è successo anche a me, per quanto riguarda la verità della Divina Misericordia. Tante volte ho riflettuto su questa verità nelle meditazioni, specialmente durante i ritiri spirituali, tante volte ne ho parlato nelle omelie e ho ripetuto le parole delle preghiere liturgiche, ma non cercai di approfondirne il contenuto e l’importanza per la vita spirituale: in particolare non riuscii a capire, e all’inizio non potei accettare che la Divina Misericordia fosse l’attributo più alto di Dio Creatore, Salvatore, Santificatore. Ci voleva un’anima semplice e santa, profondamente unita a Dio, la quale – come credo – per ispirazione Divina me ne parlò incitandomi a studiare, a cercare e a riflettere su questo tema.
Quest’anima era Suor Faustina, ora defunta (Helena Kowalska) della Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia. Essa lentamente arrivò a convincermi al punto tale che oggi considero il culto della Divina Misericordia, e particolarmente l’istituzione della festa della Divina Misericordia la prima domenica dopo Pasqua come uno degli obiettivi prioritari della mia vita.

Beato Don Michele Sopocko

La Provvidenza Divina, nella missione affidata alla Santa suor Faustina, designò un ruolo particolare al suo confessore e direttore spirituale - don Michele Sopocko (1888-1975). Durante il periodo in cui suor Faustina soggiornava a Vilna (Vilnius, Lituania), negli anni 1933-1936, questo sacerdote fu per lei un aiuto insostituibile nel discernimento delle visioni ed esperienze interiori. Proprio lui le ordinò di scrivere il suo “Diario”, che è un documento di mistica cattolica di valore eccezionale. In esso è rivelata anche la santità di vita sacerdotale di don Sopocko ed il suo contributo nella realizzazione delle richieste del Signore Gesù.Michele Sopocko nacque il 1 novembre 1888 a Nowosady nei pressi di Vilna (Vilnius, Lituania) in una nobile famiglia di tradizione patriottica. Nonostante le difficili condizioni di vita, i genitori
gli garantirono un’educazione a livello elementare. Il lavoro pesante in campagna, la necessità di lottare sempre per mantenere la famiglia, furono per i membri della famiglia Sopocko una scuola di vita e di carattere.

Le anime spesso rifiutano di affidarsi alla misericordia

Tenevo gli occhi sulla figura del Sacro Cuore.
All'improvviso, ne vidi uscire quegli stessi raggi che sono dipinti sull'immagine del Redentore misericordioso a indicare il sangue e l'acqua. 
Compresi quanto sia grande e ardente la misericordia del Signore. 
Gesù mi parlò con inesprimibile dolcezza: 
«Bambina mia, insisti con i sacerdoti su questa mia inscrutabile misericordia. Le fiamme divampano in me e intendo riversarle sulle anime, ma queste spesso si rifiutano d'affidarsi alla mia misericordia».

martedì 12 febbraio 2019

L'amore per il prossimo

«Figlia Mia, durante questa meditazione rifletti sull'amore del prossimo. È il Mio amore che ti guida nell'amore del prossimo? Preghi per i nemici? Desideri il bene per coloro che in qualsiasi maniera ti hanno rattristata od offesa? Sappi che tutto ciò che fai di buono per qualsiasi anima lo accetto come se lo avessi fatto a Me Stesso».
Applicazione. 
O Gesù, Amore Mio, Tu sai che solo da poco tempo mi comporto nei confronti del prossimo guidata unicamente dal Tuo amore. Solo Tu conosci gli sforzi che ho fatto in tale direzione. Adesso mi risulta più facile, ma se Tu stesso non avessi acceso nella mia anima il Tuo amore, non sarei riuscita a perseverare. Questo è il frutto dell'amore che ci dimostri nell'Eucaristia che m'infiamma ogni giorno.

lunedì 11 febbraio 2019

O Maria Vergine Immacolata

O Maria,
Vergine Immacolata, 
prendimi sotto la Tua specialissima protezione 
e custodisci la purezza della mia anima, 
del mio cuore e del mio corpo. 
Tu sei il modello 
e la stella della mia vita.
Santa Faustina
Diario

venerdì 8 febbraio 2019

Avere Gesù nel cuore

A cosa può giovarmi
il favore del cuore degli altri,
se non posseggo
nel mio intimo Iddio?
Diario di Suor Faustina (Q. I, 455)



martedì 5 febbraio 2019

Santa Teresa di Lisieux dice a Suor Faustina che anche lei sarà santa

Suor Faustina in una certa occasione ebbe la certezza che sarebbe diventata santa. Lei così umile, così piccola e insignificante, trascurata e talvolta persino umiliata dalle sorelle del convento, lei così piena di amore per Gesù aveva sognato Santa Teresa di Lisieux che le aveva preannunciato la santità, il suo benedetto destino nel Cielo.
Con SantaTeresa di Lisieux andò così...
Dal Diario di Suor Faustina:
Desidero annotare un sogno che feci su Santa Teresa del Bambino Gesù. Ero ancora novizia ed avevo certe difficoltà, che non mi riusciva di risolvere. Erano difficoltà interne collegate con difficoltà esterne. Avevo fatto parecchie novene a vari santi, ma la situazione diveniva sempre più pesante.

domenica 3 febbraio 2019

La forza che viene dalla passione di Gesù

Quando soffro nell'anima o nel corpo, mi sforzo di far tacere il mio dolore, ed è allora che acquisto il vigore interno che proviene dalla passione di Gesù.
Questa sua passione mi è presente di continuo: il corpo stremato, il cuore squarciato, ma specialmente l'ingratitudine delle anime che si allontanano da lui.
Una volta, alle tre del pomeriggio, vidi il Signore sulla croce.
Mi guardò e disse: «Ho sete».
Di colpo, vidi uscire dal Suo fianco i due raggi che sono raffigurati sull'immagine della Sua misericordia.
Provai la sete di salvare molte anime.
Diario di Suor Faustina

sabato 2 febbraio 2019

La grandissima tristezza provata da Gesù

A volte, quando resto a corto di motivazioni per l'amore, mi dispiaccio di non riuscire ad amare Gesù come vorrei. E una delle chiavi di lettura di questo mio dolore interiore è che non riesco a comprendere pienamente quanto male faccio a Gesù - che dico di amare - con i miei peccati, dal più piccolo al più grande.
E non riesco a comprendere questo perché dimentico che Gesù è il figlio di Dio fattosi uomo.
E pertanto capace di provare tutte le nostre sensazioni, compresa la grandissima tristezza di cui Lui stesso parla a Suor Faustina in questo brano del Diario:
Parla Gesù: «Alle ore tre del pomeriggio implora la Mia misericordia in modo speciale per i peccatori e, per un istante, immergiti nella Mia passione. In particolare, ricorda l'abbandono in cui mi trovai alla Mia morte. È questa un'ora di grande misericordia per il mondo, e Io ti permetterò di capire la tristezza mortale che provai in quella solitudine interiore. In quest'ora, non negherò nulla alle anime che Mi pregano in nome della Mia passione».