sabato 24 dicembre 2016

Il grande abbassarsi di Dio

Vigilia di Natale.
Durante la S. Messa di mezzanotte nell'Ostia ho visto Gesù Bambino; il mio spirito si è immerso in Lui.
Benché fosse un bambinetto, la Sua maestà è penetrata nella mia anima. 
Mi ha colpita profondamente questo mistero: questo grande umiliarsi di Dio; questo Suo inconcepibile annientamento. Per tutta la durata delle festività questo mi è rimasto vivamente impresso nell'anima. 
Oh! noi non riusciremo mai a comprendere questo grande abbassarsi di Dio!
Diario di Suor Faustina

venerdì 16 dicembre 2016

O Maria, Tu sei pura ed impareggiabile

Ecco come si esprimeva l'amore di Suor Faustina per la Mamma Celeste:
Dal Diario di Suor Faustina:
O Maria, Vergine Immacolata, Puro cristallo per il mio cuore, Tu sei la mia forza, o àncora potente, Tu sei lo scudo e la difesa dei deboli cuori.
O Maria, Tu sei pura ed impareggiabile, Vergine e Madre insieme. Tu sei bella come il sole, senza alcuna macchia, Nulla è paragonabile all'immagine della Tua anima. La Tua bellezza ha affascinato il Tre volte Santo, Sceso dal cielo, abbandonando il trono della Sua sede eterna, E prese corpo e sangue dal Tuo cuore, Nascondendosi per nove mesi nel cuore della Vergine. 
O Madre, o Vergine, nessuno riesce a comprendere che l'immenso Iddio diventa uomo, Solo per amore e per la Sua insondabile Misericordia. Per merito Tuo, o Madre, vivremo con Lui in eterno. 
O Maria, Vergine Madre e Porta del cielo, Attraverso Te ci è venuta la salvezza, Ogni grazia sgorga per noi dalle Tue mani E solo la Tua fedele imitazione mi farà santa.

giovedì 15 dicembre 2016

Con questa preghiera a quel peccatore darò la grazia della conversione

Se il cuore è stretto nella morsa del dolore per causa di qualche persona a noi cara che si è persa dietro le cose del mondo, non disperiamo! E' Gesù a dirci di non disperare. Una sola preghiera può ottenere la conversione. Io lo faccio spesso, certo che se saprò pregare con vera fede, Gesù mi accontenterà.
Leggiamo insieme, dal Diario di Suor Faustina:
Gesù mi disse: «Desidero che tu conosca l'intensità della Mia misericordia, di cui arde verso le anime il Mio cuore. Quando, per qualche peccatore, reciterai con fede e contrizione la preghiera che sto per insegnarti, a quel peccatore darò la grazia della conversione. Ecco la breve preghiera che ti chiedo:
O sangue e acqua, che scaturisti dal cuore di Gesù come sorgente di misericordia per noi, confido in Te!»

mercoledì 7 dicembre 2016

Novemila Ave Maria per l'Immacolata

Un amore senza confini per la Madonna. Ecco come è possibile spiegare le parole di Suor Faustina che seguono:
Con grande fervore mi sono preparata a celebrare la festa dell'Immacolata Concezione della Madre di Dio. Ho vigilato maggiormente sul raccoglimento dello spirito ed ho meditato su questo Suo privilegio esclusivo. Per questo il mio cuore si è immerso tutto in Lei, ringraziando Iddio per aver concesso a Maria questo grande privilegio. Non mi sono preparata soltanto con la novena comune, che fa assieme tutta la comunità, ma mi sono impegnata anche personalmente per salutarLa mille volte al giorno, recitando ogni giorno per nove giorni mille Ave Maria in Suo onore. 
È già la terza volta che faccio una novena del genere alla Madonna, quella che consiste nella recita di mille Ave Maria al giorno, cioè novemila Ave Maria per tutta la novena. Sebbene l'abbia fatta già tre volte in vita mia, cioè due volte che avevo un incarico e non sono venuta meno in nulla ai miei doveri, compiendoli con la massima esattezza e l'ho fatta al di fuori del tempo degli esercizi di pietà, cioè nè durante la santa Messa né durante la benedizione ho recitato quelle Ave Maria ed un'altra volta ho fatto tale novena che ero ricoverata in ospedale. Per chi realmente vuole, nulla è difficile. Al di fuori della ricreazione pregavo e lavoravo, in quei giorni non dicevo neppure una parola che non fosse assolutamente necessaria. Debbo riconoscere che questa cosa richiede parecchia attenzione e sforzo, ma per onorare l'Immacolata non c'è nulla di troppo.
Diario di Suor Faustina

sabato 3 dicembre 2016

All'infuori di Dio, non c’è contentezza da nessuna parte

Quando si ama, la lontananza da chi è amato può diventare un macigno nel cuore. Non si desidera altro che tornare sui propri passi per riunirsi quanto prima con il proprio amore, sia esso il coniuge, il fidanzato, un congiunto, un fratello o una sorella, un amico o un'amica.
Se l'amore è Gesù, amato di amore vero, il cuore si strugge, specialmente se è proprio Lui a chiamarci attraverso le ispirazioni della coscienza.
A Suor Faustina è capitato tante volte di avere una fortissima nostalgia per Gesù, ma in un caso particolare è stato proprio Lui, Gesù, a "prendere il cuore" della santa.
Leggiamo insieme questa incredibile esperienza.

domenica 27 novembre 2016

Il sacerdote che pensa a sé stesso è solo

C'è un confine sottilissimo tra amore per le cose esteriori della fede e l'amore per le anime e per Dio. Se si supera quel confine si rischia di essere in un campo che non interessa a Dio.
E questo riguarda i sacerdoti, è vero, ma anche noi fedeli.
La raccomandazione di Santa Faustina arriva a noi attraverso una breve osservazione scritta nel suo Diario che è tagliente come una lama.
Dal Diario di Suor Faustina:
Durante la Santa Messa ho conosciuto che un certo sacerdote non opera molto sulle anime, perché pensa a sé stesso e perciò è solo. 
La grazia di Dio fugge. 
Egli si basa su futili fattori esteriori che agli occhi di Dio non hanno alcuna importanza. 
E poi è così superbo, preleva dal vuoto e versa nel vuoto, affaticandosi inutilmente.

martedì 22 novembre 2016

La conversione, le gioie e le prove

Quando ho sperimentato la conversione - poco più di due anni fa -, ricordo di essere stato confuso per alcuni giorni. Mi era difficile realizzare cosa mi stesse accadendo. Ricordo bene che tutta una fitta serie di comportamenti mi erano improvvisamente diventati insopportabili e gli impegni a migliorarmi si sommavano uno all'altro. Le consolazioni di Gesù erano tantissime e la gioia inseguiva la gioia in un crescendo che pareva inarrestabile...
Leggiamo insieme come Suor Faustina descrive questi momenti e quelli che sempre seguono.
Dal Diario di Suor Faustina:
In principio Iddio si fa conoscere come santità, giustizia, bontà, cioè Misericordia. L'anima non conosce tutto ciò ad un tratto, ma in singoli momenti fra i lampi, cioè negli incontri con Dio. E questi non durano a lungo, poiché non sopporterebbe quella luce.

lunedì 7 novembre 2016

Una nuova venuta di Gesù, la misericordia e la giustizia

Quelli che seguono sono alcuni brani tratti dal Diario di Suor Faustina.
Li proponiamo alla comune attenzione perché da essi, dalle parole di Gesù in essi contenute, si capisce chiaramente che il mondo assisterà ad una nuova venuta di Gesù, stavolta come giudice.
Non solo Gesù dice questo, ma anche la Madonna!
Gesù fa cenno alla Sua "ultima venuta", mentre la Mamma Celeste parla di "seconda venuta". Le due cose non sono certamente in contraddizione, dato che se la nuova venuta di Gesù fosse anche l'ultima, nulla toglie che sia la seconda.
In un altro passaggio Gesù dice altre importanti parole collegate a quelle che citiamo poco sotto: "Prima che Io venga nella gloria, spalancherò le porte della Mia Misericordia, e tutti quelli che passeranno attraverso le porte della Mia Misericordia li proteggerò come Miei nell’ora della morte. Quelli che rifiutano l’opportunità di passare attraverso le porte della Mia Misericordia devono passare attraverso le porte della Mia Giustizia."

domenica 6 novembre 2016

La fatica di trattare con chi ci ha fatto, consapevolmente o inconsapevolmente, soffrire

O mio Gesù, Tu sai quanta fatica occorre per trattare sinceramente e con semplicità con coloro dai quali la nostra natura rifugge, oppure con coloro che consapevolmente od anche inconsapevolmente ci hanno fatto soffrire.
Umanamente la cosa è impossibile.
In quei momenti più che in altre circostanze, cerco di scoprire Gesù in quelle date persone e per amore di Gesù faccio tutto per quelle persone. In queste azioni l'amore è puro; questo esercitarsi nella carità tempra l'anima e la rafforza.
Non m'aspetto nulla dalle creature.
Per questo non provo alcuna delusione; so che la creatura è povera in sé e che posso dunque attendermi da essa?
Dio per me è tutto, desidero valutare tutto alla luce di Dio.
Diario di Suor Faustina

sabato 5 novembre 2016

Alcune anime sono come pietre, sempre fredde ed insensibili

Buon Gesù, se penso alle parole di Suor Faustina che seguono, mi vengono i brividi di vergogna. Io sono il primo, Gesù, che chiede, chiede e chiede. Chiedo sempre! Ma troppo poche volte, mio Signore, mi ricordo di ringraziarTi. Di ringraziarTi per tutto, sia le cose che i miei sensi vogliono giudicare come belle, sia quelle che i miei sensi vorrebbero definire brutte. Di tutto, Gesù, Ti devo ringraziare, perché so per certo che tutto ciò che viene da Te è sempre per il nostro bene.
Dal Diario di Suor Faustina (17-9-1937):
O Gesù, vedo tanta bellezza disseminata attorno a noi per la quale Ti ringrazio continuamente, ma noto che alcune anime sono come pietre, sempre fredde ed insensibili, nemmeno i miracoli le commuovono molto; hanno lo sguardo rivolto a terra e non vedono nient'altro all'infuori di se stesse. 
Mi hai circondata durante la vita con la Tua protezione sensibile ed affettuosa, più di quanto io possa immaginare, poiché comprenderò la Tua bontà in tutta la sua estensione solo quando mi cadranno i veli dagli occhi. 
Desidero che tutta la mia vita sia un unico ringraziamento per Te, o Dio.

giovedì 3 novembre 2016

O Madre dolce, unisci la mia anima a Gesù

Ecco una bellissima invocazione di Suor Faustina alla Mamma Celeste in cui ci fa capire che solo guidati dalla Madonna e uniti a Gesù possiamo affrontare le prove della vita.
Dal Diario di Suor Faustina:
O Madre dolce, unisci la mia anima a Gesù, poiché solo allora potrò superare tutte le prove e le esperienze e solo in unione con Gesù i miei piccoli sacrifici saranno graditi a Dio. 
Madre dolcissima, ammaestrami sulla vita interiore. La spada della sofferenza non mi spezzi mai. 
O Vergine pura, infondi la fortezza nel mio cuore e custodiscilo.

mercoledì 2 novembre 2016

La visione del Purgatorio

Poco tempo dopo mi ammalai. La cara Madre Superiora mi mandò, assieme ad altre due suore, a passare le vacanze a Skolimòw, un po’ fuori Varsavia.
In quel tempo domandai al Signore Gesù: «Per chi ancora devo pregare?». Gesù mi rispose che la notte seguente m’avrebbe fatto conoscere per chi dovevo pregare. 
Vidi l’Angelo Custode, che mi ordinò di seguirlo. 
In un momento mi trovai in un luogo nebbioso, invaso dal fuoco e, in esso, una folla enorme di anime sofferenti. Queste anime pregano con grande fervore, ma senza efficacia per se stesse: soltanto noi le possiamo aiutare. Le fiamme che bruciavano loro, non mi toccavano. 
Il mio Angelo Custode non mi abbandonò un solo istante. 
E chiesi a quelle anime quale fosse il loro maggior tormento. Ed unanimemente mi risposero che il loro maggior tormento è l’ardente desiderio di Dio. Scorsi la Madonna che visitava le anime del purgatorio. Le anime chiamano Maria «Stella del Mare». Ella reca loro refrigerio. 
Avrei voluto parlare più a lungo con loro, ma il mio Angelo Custode mi fece cenno d’uscire. Ed uscimmo dalla porta di quella prigione di dolore.

martedì 1 novembre 2016

I Santi e le virtù di Gesù

O mio Gesù, ognuno dei Tuoi santi rispecchia in sé‚ una delle Tue virtù.
Io desidero rispecchiare il Tuo Cuore compassionevole e pieno di misericordia, voglio glorificarlo.
La Tua misericordia, o Gesù, sia impressa sul mio cuore e sulla mia anima come un sigillo e ciò sarà il mio segno distintivo in questa e nell'altra vita.
Diario di Suor Faustina

domenica 23 ottobre 2016

La misericordia che si fa amore

Parla Gesù:
«Figlia mia, se Mi servo di te per chiedere agli uomini il culto della Mia misericordia, da parte tua devi essere la prima a riporre in essa ogni fiducia. Da te voglio opere di misericordia che derivino dall'amore che Mi porti. Sempre e dovunque devi essere misericordiosa senza mai tentare di esimerti, presentare scuse o giustificazioni. Attua la tua misericordia nell'agire per gli altri, nel parlare con loro, nel rivolgerti con la preghiera a Dio in loro favore. La tua misericordia verso il prossimo è la prova inconfutabile dell'amore che Mi porti. È in questo modo che l'anima glorifica la Mia misericordia e le tributa il culto che Io domando».
Diario di Suor Faustina

venerdì 21 ottobre 2016

Il senso del dolore

Uno dei doni più belli che ci riserva Gesù è quello di dare un senso alla sofferenza. Nulla delle nostre prove è senza senso. Ma solo aprendo il cuore e la mente, l'anima intera, alla fede in Gesù, solo così possiamo riuscire a trarre beneficio dal dolore.
Ecco un brano in cui Suor Faustina ottiene una risposta illuminante da Gesù.

Quando, poco dopo i primi voti mi ammalai e, nonostante l'amorevole e premuroso interessamento  dei Superiori e le cure dei medici, non mi sentii né meglio né peggio, allora cominciarono a giungermi voci che mi sospettavano di fingere.
E così cominciò la mia sofferenza, che divenne doppia e durò per un tempo abbastanza lungo.
Un giorno mi lamentai con Gesù, perché ero un peso per le consorelle.

mercoledì 19 ottobre 2016

E' la grandezza dello sforzo che verrà premiata

Il breve ma intensissimo brano che segue contiene il segreto dell'amore di Gesù per noi, quello che dovrebbe sempre renderci sereni e certi che Gesù ci ama con una forza che non possiamo nemmeno immaginare, al punto da disinteressarsi del fatto che raggiungiamo o meno gli obiettivi che ci vengono ispirati dalla fede... A Gesù interessa solo il nostro impegno nell'amare.
Quando uno è debole e malato, compie sforzi continui per arrivare a fare quello che tutti gli altri compiono normalmente. 
Tuttavia, anche con questo «normale» non sempre si riesce a venirne a capo. 
Ti ringrazio però, Gesù, di tutto: non è la grandezza dell'opera, ma la grandezza dello sforzo che verrà premiata. 
Ciò che viene fatto per amore, non è una piccola cosa, o mio Gesù, poiché il Tuo occhio vede tutto.
Santa Faustina

giovedì 13 ottobre 2016

Gesù, confido in te!

Una sera, trovandomi nella mia cella, vidi il Signore Gesù in abito bianco. Teneva una mano alzata come se benedicesse, mentre con l'altra toccava sul petto la sua veste. Dalla veste leggermente aperta, uscivano due grandi raggi: uno era rosso, l'altro chiaro. In silenzio, tenevo gli occhi fissi sul Signore. Ero presa dal timore, ma al tempo stesso m'invadeva una gioia indescrivibile. Passò un istante. Gesù parlò:
«Dipingi un'immagine sul modello di come tu mi vedi. Scrivici sotto: Gesù, confido in te! Desidero che questo quadro venga venerato dapprima nella vostra cappella, e poi nel mondo intero. Prometto che l'anima, la quale venererà quest'immagine, non perirà. Le prometto la vittoria sui nemici fin da questa terra, ma specialmente nell'ora della morte. Io la difenderò come mia gloria».

domenica 9 ottobre 2016

In ogni anima Io compio un'opera di pura bontà

Oggi Gesù mi rivolse la parola:
Segretaria della Mia misericordia, scrivi che in ogni anima Io compio un'opera di pura bontà. 
Quanto più uno è grande peccatore, tanto maggior diritto egli ha alla Mia misericordia, se ricorre ad essa
Sopra ogni opera delle Mie mani è stabilita la Mia misericordia. 
Chi le si affida non andrà perduto, perché tutti i suoi interessi sono Miei e i suoi nemici s'infrangeranno ai Miei piedi.

giovedì 6 ottobre 2016

Una delle tentazioni peggiori, l'infedeltà

Quando fui mandata a curarmi nella casa di Plock, ebbi la fortuna di ornare di fiori la cappella. Il fatto accadde a Biala. Suor Tecla non sempre aveva tempo e perciò spesso ornavo la cappella da sola.
Un giorno raccolsi le rose più belle per abbellire la camera di una certa persona.
Quando mi avvicinai al portico, vidi Gesù che era li in piedi nel portico e mi domandò amabilmente: «Figlia Mia, a chi porti quei fiori?» Il mio silenzio fu la risposta al Signore, dato che in quel momento mi resi conto che avevo un attaccamento molto sottile per quella persona, di cui in precedenza non m'ero accorta.
Gesù scomparve immediatamente. Io all'istante gettai quei fiori per terra ed andai davanti al Santissimo Sacramento col cuore pieno di riconoscenza per la grazia di aver conosciuto me stessa. 
O Sole Divino, vicino ai Tuoi raggi l'anima nota anche i più piccoli granelli di polvere, che a Te non piacciono.
Diario di Suor Faustina

martedì 4 ottobre 2016

Chi sarà in grado di smentire Dio?

Signore, desidero che la Tua misericordia venga glorificata da ogni anima. Felice quella che l'invocherà, perché potrà sperimentare ciò che tante volte mi hai promesso: Tu la difenderai come Tua gloria. 
Chi sarà in grado di smentire Dio? 
Chiunque tu sia glorifica il Signore, affidandoti alla Sua misericordia per l'intera tua vita e soprattutto nell'ora della morte. 
Chiunque tu sia non aver paura! Quanto più grande è il tuo peccato, tanto maggiore è il tuo diritto a ricorrere alla misericordia del Signore. 
Tu sei una bontà incomprensibile, Gesù, desidero esaltare la Tua misericordia in nome anche di innumerevoli altre anime. Questo è il compito che Tu mi hai affidato.
Santa Suor Faustina, Diario

lunedì 3 ottobre 2016

Se tu non Mi imbrigliassi le mani...

La forza, la potenza della preghiera, unico vero rimedio a disposizione dell'uomo, eppure così trascurata e talvolta dimenticata, messa da parte in favore dell'azione umana che le viene costantemente preferita.
Dal Diario di Suor Faustina:
Una volta, udii dentro di me queste parole: «Se tu non Mi imbrigliassi le mani, farei scendere molti castighi sulla terra. Perfino quando la tua bocca tace, tu gridi a Me con tanta forza che tutto il cielo si commuove. Non posso sfuggire alla tua preghiera, perché tu non Mi insegui come un essere lontano, ma Mi cerchi dentro di te dove realmente sono».

sabato 1 ottobre 2016

Il premio più atteso

Le sofferenze di una vita non andranno perdute, ma dovremo avere cura di non sprecarle con rabbia o non accettazione... Gesù ci dice che tutto il dolore provato, accolto e offerto a Lui ci salverà.
Dal Diario di Suor Faustina:
Oggi durante la funzione pasquale, ho visto il Signore Gesù in un grande splendore; si è avvicinato a me e mi ha detto: «Pace a voi, figlioli Miei!» ed ha alzato la mano ed ha benedetto. 
Le piaghe delle mani, dei piedi e del costato non erano cancellate ma risplendenti. 
Poi mi guardò con tanta amabilità ed amore che la mia anima s'immerse totalmente in Lui e mi disse: «Hai preso tanta parte alla Mia Passione, per questo avrai tanta parte alla Mia gloria ed alla Mia gioia».



La fedele sottomissione alla volontà di Gesù

Dedicato specialmente a chi è nella prova. 
Dal Diario di Suor Faustina:
La fedele sottomissione sempre e ovunque alla volontà di Dio, in tutti i casi e le circostanze della vita, rende a Dio una grande gloria. 
Tale sottomissione alla volontà di Dio, ai Suoi occhi ha un valore maggiore di lunghi digiuni e mortificazioni e delle più rigide penitenze. 
Oh, quanto grande è la ricompensa per un solo atto di amorevole sottomissione alla volontà di Dio!

martedì 27 settembre 2016

Una foto inedita di Santa Suor Faustina

Con il cuore pieno di gioia vi mostro una foto di Santa Faustina, ritratta in compagnia di suo fratello Stanislaus nel mese di febbraio del 1935 nel corso di una visita nella casa familiare a Głogowcu alla mamma gravemente ammalata. 
Santa Suor Faustina amava tantissimo questo suo fratello più piccolo di lei di 7 anni e per lui pregava intensamente, come possiamo ben leggere anche nel Diario. 
La preziosità della foto risiede nel fatto che è stata ritrovata qualche tempo fa dentro uno scatolone abbandonato in un magazzino di una parrocchia di Varsavia.
Come può essere finita lì, a Varsavia, questa fotografia? L'autore del ritrovamento, il parroco, ritiene che tutto sia da ricollegare alla presenza in quella città del Beato Don Michele Sopocko, confessore e direttore spirituale di Suor Faustina.
Santa Faustina è una meraviglia di Gesù.
Santa Faustina prega per noi!

Gesù confido in Te.



domenica 25 settembre 2016

La persecuzione

Può sembrare incredibile che una piccola e umilissima suora, chiusa dentro un convento, in spazi ristretti, sia  diventata santa. Ma l'incredulità appartiene all'assenza di fede.
Infatti, un'anima ricca di fede e amore per Gesù può non avere confini. Così accadeva a Suor Faustina che per grazia di Gesù viaggiò con lo spirito in diversi posti del mondo e persino nel tempo, per non parlare delle visioni di Inferno, Purgatorio e Paradiso.
Ma dentro il convento accadeva talvolta di vivere anche momenti di grandissima amarezza collegati alla relazione con le altre persone. Momenti di una durezza che possiamo immaginare e che facevano soffrire moltissimo Suor Faustina che, tra l'altro, era impegnata a non lamentarsi mai e a non replicare mai alle accuse, nemmeno a quelle ingiuste e false.
Di episodi spiacevoli Suor Faustina ne cita alcuni.

giovedì 22 settembre 2016

Il proposito di diventare santi

Gesù apprezza tantissimo i nostri sforzi di migliorare la nostra vita in virtù della fede e dell'abbandono alla Sua Divina Misericordia. Ancor più apprezza questi sforzi quando essi vogliono condurre alla santità che non è un'esperienza riservata a pochi, ma aperta a noi tutti. Tutti tutti!
Un giorno Gesù ha detto a Suor Faustina: “Mi è enormemente gradito questo tuo deciso proposito di diventare santa. Benedico i tuoi sforzi e ti fornirò l’opportunità di santificarti. Stai attenta a non perdere nessuna delle occasioni che ti darà la Mia Provvidenza per santificarti. Se non riuscissi ad approfittare di una determinata opportunità, non perdere la calma, ma umiliati profondamente davanti a Me e con grande fiducia immergiti tutta nella Mia Misericordia e in questo modo acquisterai più di quello che hai perduto, poiché ad un’anima umile viene dato con molta generosità più di quanto essa stessa chieda...”
Dal Diario di Suor Faustina

lunedì 19 settembre 2016

Nulla avviene senza il volere di Dio

O Gesù, desidero vivere nel momento presente, vivere come se questo giorno fosse l’ultimo della mia vita: utilizzare scrupolosamente ogni attimo per la maggior gloria di Dio, sfruttare per me ogni circostanza, in modo che la mia anima ne ricavi un profitto. Guardare ad ogni cosa da questo punto di vista, e cioé che nulla avviene senza il volere di Dio. O Dio d’insondabile Misericordia, abbraccia il mondo intero e riversati su di noi per mezzo del Cuore pietoso di Gesù.
Diario di Suor Faustina

Il quadro, olio su lino, è stato realizzato da Maria Savino.

domenica 18 settembre 2016

La venerazione dell'immagine di Gesù Misericordioso

Il disegno essenziale di questo quadro è stato mostrato a suor Faustina nella visione del 22 febbraio 1931 nella cella del convento di Płock. "La sera, stando nella mia cella - scrive suor Faustina - vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire mentre l'altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l'uno e l'altro pallido (...) Dopo un istante, Gesù mi disse, 'Dipingi un'immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù confido in Te'".
Tre anni dopo a Vilnius Gesù ha spiegato il significato dei raggi: "I due raggi rappresentano il Sangue e l'Acqua".
Non si tratta qui di un qualche effetto artistico, ma di una simbologia del quadro estremamente profonda.

venerdì 16 settembre 2016

In un’anima sofferente dobbiamo vedere Gesù Crocifisso

Oggi mi sono sentita peggio del solito, ma Gesù in questo giorno mi ha dato più possibilità di esercitarmi nella virtù. È capitato che ho avuto un impegno più faticoso. La suora della cucina mi ha manifestato il suo malcontento perché ho fatto tardi a pranzo, anche se in nessun modo mi sarebbe stato possibile giungere prima. Ma mi sono sentita così male, che ho dovuto chiedere alla Madre Superiora di permettermi di andare a coricarmi.
Sono andata a pregare Suor N… di sostituirmi nella mia mansione ed ho ricevuto un’altra ramanzina. «Ma come? Si è stancata tanto, sorella, che va di nuovo a mettersi a letto? Che vuoi, con questo continuo andare a letto!»
Me la sono sorbita tutta, ma non era ancora la fine. Bisognava andare ed avvertire anche la suora che serve le malate, perché mi portasse il vitto.

sabato 10 settembre 2016

Pronta all'incontro col Signore

Sono pronta ormai all'incontro col Signore.
E non solo da oggi, ma fino dal momento in cui posi l'intera mia fiducia nella pura bontà di Dio, abbandonandomi totalmente alla sua volontà, la quale è piena di misericordia.
Dio misericordioso, che mi permetti di vivere ancora quaggiù, accresci in me la vita dello spirito, sulla quale la morte non ha alcun potere.
Diario di Suor Faustina

mercoledì 7 settembre 2016

Sei stata tu a proporre di soffrire per lui, e adesso non lo vuoi?

Suor Faustina pregava molto spesso per il suo confessore, Don Michele Sopocko, e per lui si immolava, chiedendo a Gesù Misericordioso di alleggerire il fardello del reverendo padre caricandolo su di lei.
Una volta, però, la sofferenza che si trovò a patire al posto di Don Sopocko le parse così grande da non poterla sopportare, finché si decise a chiedere l'aiuto di Gesù...

Dalle memorie di Don Michele Sopocko.
Presto iniziarono le grandi difficoltà predette da Suor Faustina (dato il mio soggiorno presso la chiesa di San Michele). Queste difficoltà aumentarono sempre più fino a giungere a un punto culminante nel gennaio del 1936.

venerdì 19 agosto 2016

La lezione dell'umiltà e della bontà d'animo

Una grandissima lezione ci viene dalle seguenti parole di Santa Suor Faustina, nel ricordo della sua partenza verso Varsavia. Una delle suore che l'aveva ostacolata in ogni modo a causa della gelosia per l'evidente santità di Suor Faustina si avvicina a lei per chiedere scusa...
Dal Diario di Suor Faustina:
Quando mi accomiatai dalle suore e stavo già per partire, una delle suore si scusò molto con me, per avermi aiutato così poco nell'impegno che avevo, e non solo per non avermi aiutato, ma perché aveva sempre cercato di rendermelo difficoltoso.
Io però dentro di me l'avevo considerata una grande benefattrice, perché mi esercitava nella pazienza.
Mi esercitava a tal punto che una delle suore anziane si era espressa così: «Suor Faustina, o è stupida, o è santa, poiché, a dir la verità, una persona normale non sopporterebbe che qualcuno le faccia dispetti in continuazione».

sabato 6 agosto 2016

L'incomprensibile bontà di Gesù Misericordioso

Ogni anima confidi nella misericordia del Signore: egli non la nega mai a nessuno. 
Il cielo e la terra possono crollare, prima che la misericordia di Dio abbia a esaurirsi. 
Quanta felicità mi arde in cuore al pensiero della tua incomprensibile bontà, o Gesù mio! 
Desidero condurre a te tutti i caduti nel peccato, affinché incontrino la tua misericordia e l'esaltino per sempre.
Santa Suor Faustina (Diario)

venerdì 5 agosto 2016

Mai soli, mai senza protezione

Perché hai paura?
Pensi forse che Mi manchi l’onnipotenza
e non possa venirti in aiuto?
Gesù a Suor Faustina, Diario (Q. II, 527)


giovedì 4 agosto 2016

O Maria, dolce Madre mia

O Maria, dolce Madre mia, affido a Te l'anima, il corpo e il mio povero cuore.
Sii la Guardiana della mia vita e sopratutto nell'ora della morte, nell'ultima battaglia.
Santa Faustina
Diario (Q. I, 161)


domenica 31 luglio 2016

Un amore grande

O Dio, che con tanta generosità elargisci la tua misericordia, quanto devi amare questa umanità a cui ti volgi, dal momento che il tuo amore opera continuamente in suo favore! 
O Creatore e Signore, scorgo dappertutto la traccia della tua mano e l'impronta della tua misericordia, con cui circondi ogni creatura. 
Desidero celebrare la tua gloria in nome di tutto ciò che fu creato e chiamo l'universo intero attorno a me per adorare, uniti tutti insieme, la tua misericordia.
Santa Suor Faustina
Diario

sabato 30 luglio 2016

L'accettazione

Qualunque cosa mi mandi la mano del mio Signore, la accetterò con gioia, sottomissione e amore.
Santa Suor Faustina
Diario - Q. III, 1004)


venerdì 29 luglio 2016

Nella lingua c'è la vita, ma anche la morte

Un'anima che non ha gustato la dolcezza della quiete interiore, è uno spirito inquieto, e turba la tranquillità degli altri. 
Ho visto molte anime negli abissi infernali per non aver osservato il silenzio. Loro stesse me l'hanno detto, quando ho chiesto loro quale era stata la causa della loro rovina. Erano anime consacrate. 
O mio Dio, quale dolore! Eppure avrebbero potuto non solo essere in paradiso, ma essere perfino sante. 
O Gesù, Misericordia, tremo quando penso che debbo rendere conto della mia lingua. Nella lingua c'è la vita, ma anche la morte. E talvolta con la lingua uccidiamo, commettiamo dei veri omicidi; e possiamo ancora considerare ciò una piccola cosa? 
Per la verità non riesco a comprendere tali coscienze.
Diario di Suor Faustina

domenica 24 luglio 2016

L'amore che non delude nessuno

Il mio amore non delude nessuno.
Gesù a Suor Faustina.
Diario


Gesù, benedici questa penna

Gesù sapeva bene che con il Diario di Suor Faustina sarebbero state convertite e salvate moltitudini di persone.
Dal Diario di Suor Faustina:
Nel momento in cui presi la penna in mano, pregai brevemente lo Spirito Santo, poi dissi: «Gesù, benedici questa penna, affinché tutto quello che mi ordini di scrivere sia a gloria di Dio». 
E subito udii una voce: «Si, la benedico poiché in questo scritto c'è il sigillo dell'obbedienza alla Superiora ed al confessore e per ciò stesso è motivo di gloria per Me e molte anime ne ricaveranno vantaggio. Figlia Mia, voglio che tutti i momenti liberi li impieghi a scrivere sulla Mia bontà e Misericordia. Questo è il tuo incarico ed il tuo compito per tutta la vita, far conoscere alle anime la grande Misericordia che ho per loro ed esortarle alla fiducia nell'abisso della Mia Misericordia».

venerdì 1 luglio 2016

Una sola goccia del sangue di Gesù basterebbe per tutti i peccatori

O Gesù, ricorda la Tua dolorosa Passione e non permettere che periscano anime redente col Tuo preziosissimo e santissimo Sangue.
O Gesù, quando considero il grande prezzo del Tuo Sangue, gioisco per il suo grande valore, dato che una sola goccia sarebbe bastata per tutti i peccatori. 
Benché il peccato sia un abisso di cattiveria e d'ingratitudine, tuttavia il prezzo pagato per noi è assolutamente incomparabile. 
Pertanto ogni anima abbia fiducia nella Passione del Signore, speri nella Misericordia. Iddio non nega a nessuno la Sua Misericordia. 
Il cielo e la terra possono cambiare, ma la Misericordia di Dio non si esaurisce.
Diario di Suor Faustina

sabato 18 giugno 2016

Alcuni impegni di Suor Faustina (da imitare)

Poiché a Gesù chiedo sempre moltissime grazie e Lui, di norma, me ne accorda tante di più di quelle che Gli chiedo (anche se non sempre o non tutte sono corrispondenti a quelle richieste), tante volte mi sono domandato come fare a ricambiare un amore così grande. Leggendo il Diario di Suor Faustina ho scoperto dei metodi davvero efficienti e non difficilissimi.
Da provare assolutamente!
Dal Diario di Suor Faustina:
All'inizio della Quaresima chiesi al mio confessore di assegnarmi una mortificazione per quel periodo ed ottenni quella di non ridurmi le vivande, ma di meditare durante i pasti sul fatto che Gesù in croce accettò aceto misto a fiele. «Questa sarà la mortificazione». 

venerdì 3 giugno 2016

Un cuore ricolmo di misericordia

Non riusciremo mai a comprendere pienamente quanto grande possa essere la misericordia di Gesù e quanto di essa sia colmo il cuore di Gesù.
Dal Diario di Suor Faustina:
4 giugno 1937.
Oggi è la festa solenne del Sacratissimo Cuore di Gesù. Durante la santa Messa ho conosciuto il Cuore di Gesù, di che fuoco d'amore arde verso di noi. È un mare di Misericordia. Improvvisamente ho udito una voce: «Apostola della Mia Misericordia, annuncia al mondo intero questa Mia insondabile Misericordia. Non stancarti per le difficoltà che incontri nel diffondere la Mia Misericordia. Queste difficoltà che ti colpiscono così dolorosamente sono necessarie per la tua santificazione e per dimostrare che quest'opera è Mia. Figlia Mia, sii diligente nel prendere nota di ogni frase che ti dico sulla Mia Misericordia, perché questo è per un gran numero di anime che ne approfitteranno». 
Durante l'adorazione il Signore mi ha fatto conoscere più a fondo ciò che riguarda quest'opera.
Oggi ho chiesto perdono al Signore per tutte le offese che il Suo Cuore Divino riceve nelle nostre case.

giovedì 2 giugno 2016

L'intervento salvifico di Gesù Misericordioso

Quando siamo nella tormenta ed i pensieri e le preoccupazioni non ci danno tregua, rivolgiamoci con instancabile fiducia a Gesù Misericordioso, specialmente pregando con la Coroncina alla Divina Misericordia. Anche se non fosse possibile essere sollevati dalla croce, certamente potremo essere alleggeriti nel portarla.
Gesù può tutto.
E lo ha dimostrato a più riprese con Suor Faustina.
Stavolta voglio ricordare un certo episodio in cui Gesù ebbe a dire alla santa:
Se anche volessi inquietarti ed allarmarti, ciò oggi non sarà in tuo potere.

sabato 21 maggio 2016

La contemplazione del mistero della Trinità

Vigilia di Natale 1937:
Entrata in refettorio, durante la lettura tutto il mio essere venne immerso in Dio.
Vidi interiormente lo sguardo di Dio diretto su di noi con grande compiacimento. Rimasi a tu per tu col Padre Celeste. 
In quel momento conobbi più a fondo le Tre Persone divine che contempleremo per tutta l'eternità, e dopo milioni di anni ci renderemo conto di aver appena iniziato la nostra contemplazione. 
Oh, quanto è grande la Misericordia di Dio, che ammette l'uomo ad una così grande partecipazione alla Sua divina felicità, ma nello stesso tempo che gran dolore trafigge il mio cuore per il fatto che molte anime disprezzano questa felicità!
Diario di Suor Faustina

domenica 15 maggio 2016

L'importanza delle donne religiose nella Chiesa

Quando periodicamente si riaffaccia il dibattito sul ruolo delle donne nella Chiesa, dobbiamo sapere che tale ruolo è tra i più grandi, specialmente se le donne sono religiose. In tal senso, ricordiamo le chiare parole di Santa Faustina, scritte a caratteri indelebili nel Diario:
Ognuna dovrebbe avere un grande amore per la Chiesa.
Come una brava figlia che ama la Madre prega per lei, così ogni anima cristiana deve pregare per la Chiesa, che per lei è Madre.
E che dire poi di noi religiose, che ci siamo impegnate in modo particolare a pregare per la Chiesa?
Quanto è grande dunque il nostro apostolato, sebbene sia così nascosto.

domenica 8 maggio 2016

Vi sono Madre

Vi sono Madre per l’infinita misericordia di Dio.
L’anima che Mi è più cara è quella che compie più fedelmente la volontà di Dio.
La Madonna a Suor Faustina
(Diario)


sabato 16 aprile 2016

Chi non approfitta delle piccole grazie, non ottiene le grandi

Quando venni a sapere che dovevo partire per la probazione, la gioia esplose nel mio cuore di fronte ad una grazia così inesplicabile, quale è quella dei voti perpetui.
Andai davanti al Santissimo Sacramento e quando m immersi nella preghiera di ringraziamento, udii nell'anima queste parole: «Bambina Mia, tu sei la Mia delizia; tu sei il refrigerio del Mio Cuore. Ti concedo tante grazie, quante riesci a reggerne. Ogni volta che vuoi procurarMi una gioia, parla al mondo della Mia grande ed incommensurabile Misericordia».
Alcune settimane prima che mi venisse annunciato che ero stata ammessa alla probazione, un giorno che entrai un momento in cappella, Gesù mi aveva detto: «In questo momento i Superiori annunciano quali Suore debbono pronunciare i voti perpetui. Non tutte otterranno questa grazia, però le escluse ne hanno esse stesse la colpa. Chi non approfitta delle piccole grazie, non ottiene le grandi. Ma a te, bambina Mia, questa grazia è stata concessa».

mercoledì 13 aprile 2016

Il mio riposo sta nell'essere unita a Te, tutto il resto mi stanca

Quando ci sentiamo tristi e abbattuti a causa delle cose di questa vita, quando ci scordiamo per quale vero scopo stiamo in questa valle di lacrime, quando veniamo sopraffatti dalle vicende anche dolorose dell'esistenza... questo è il momento di leggere ciò che ha scritto Santa Faustina in una certa occasione.
Sono parole ispirate dall'immenso e invincibile amore per Dio, ma anche dalla comprensione che nulla della terra può dare vera, autentica gioia.
Dal Diario di Suor Faustina:
Verso sera mi ha fatto conoscere che tutto ciò che è terreno dura poco. E tutto quello che sembra grande se ne va in fumo e non dà libertà all'anima, ma stanchezza. 
Felice l'anima che comprende queste cose e tocca la terra con un piede solo. 
Il mio riposo sta nell'essere unita a Te, tutto il resto mi stanca. 
Oh, come sento che sono in esilio! 
Vedo che nessuno comprende ciò che ho nel mio intimo, mi comprendi solo Tu, che sei nascosto nel mio cuore ed eternamente vivo.

giovedì 7 aprile 2016

Preghiera per ottenere la conversione di un peccatore

Per ottenere la conversione di un peccatore dobbiamo chiedere l'intercessione di Suor Faustina Kowalska e recitare con fede viva la seguente invocazione, consegnata da Gesù alla santa:
O sangue ed acqua che scaturisci dal cuore di Gesù, come sorgente di misericordia per noi, io confido in Te!
Ha detto a Suor Faustina il Signore Gesù: Quando, con fede e con cuore contrito, Mi reciterai questa preghiera per qualche peccatore Io gli darò la grazia della conversione.
Dopo simili parole, parole di Gesù!, cosa mai dovremmo temere? Non dobbiamo temere alcunché perché siamo certissimi che Gesù toccherà il cuore della persona da Lui lontana e gli darà la grazia della conversione.
Per ogni preghiera possiamo chiedere la conversione di un peccatore specifico, ma non dobbiamo mai scordare di chiedere l'intercessione di Suor Faustina, perché proprio lei ha lasciato detto che avrebbe proseguito la sua missione anche dal Cielo.
Ogni giorno quando vediamo persone che sono lontane dalla fede invochiamo fiduciosi l'intercessione di Suor Faustina e recitiamo questa preghiera.
Al resto penserà il Signore Gesù.