sabato 29 gennaio 2022

Una singola grazia accolta attira tante altre grazie

È giunta la settimana della confessione ed ho visto con gioia quel Sacerdote, che avevo conosciuto prima di venire a Wilno. L'avevo conosciuto in visione.
All'improvviso sentii nell'anima queste parole: «Ecco il Mio servo fedele; egli ti aiuterà a fare la Mia volontà qui sulla terra».
Io però non mi sono fatta conoscere da lui, come desiderava il Signore. E per un certo tempo ho lottato con la grazia.
In ogni confessione la grazia di Dio m'investiva misteriosamente, ma io non gli svelai la mia anima ed avevo intenzione di non confessarmi da quel Sacerdote.
Dopo tale proposito un'inquietudine tremenda s'impadronì della mia anima.
Dio mi rimproverò energicamente.
Quando svelai tutta la mia anima a quel Sacerdote, Gesù riversò sulla mia anima tutto un mare di grazie. Ora comprendo quello che è la fedeltà ad una singola grazia e come essa attiri una serie di altre grazie.
O mio Gesù, tienimi accanto a Te. Vedi come sono debole; da sola non faccio nemmeno un passo avanti. Per questo, o Gesù, devi stare continuamente con me come una madre presso un bambino debole e anche di più.

venerdì 28 gennaio 2022

Assomigliare a Gesù

Maggiori sono le sofferenze, tanto più mi rendo conto di assomigliare a Gesù.
Diario di Suor Faustina
(Q. V, 1394)


mercoledì 26 gennaio 2022

Gesù sa quando per noi è il caso di parlare

Comprendere bene e accettare docilmente ciò che Gesù desidera da noi non è semplice. A volte crediamo di aver capito, ma in genere abbiamo capito solo una parte e stentiamo a individuare l'altra. E quando magari abbiamo anche intuito il messaggio, facciamo tanta fatica ad accettarlo. Perché è il messaggio che ci vuole alla santità che naturalmente fa a botte con le pulsioni umane e con tutto ciò che ci verrebbe spontaneo fare o dire. Ma ciò che sorprende è che talvolta il male si ammanta di bene per essere accettato dalle anime buone. Ecco, quindi, che Gesù ci parla per farci capire ancor meglio che il bene è il bene, sempre. Ma così anche il male, piccolo o grande che sia.
Dal Diario di Suor Faustina:
Una volta il servizio presso le ammalate toccò ad una suora così negligente nel servirle, che bisognava veramente mortificarsi parecchio per sopportarla.
Un giorno avevo deciso di parlarne con le superiore, ma udii una voce nell'anima: «Sopporta pazientemente; ne parlerà qualcun’altra». 

venerdì 21 gennaio 2022

La Santa Comunione cancella i piccoli peccati

Quando viene il cappellano con Gesù, ci sono dei momenti in cui mi investe una vivissima presenza di Dio ed il Signore mi fa conoscere la Sua santità, ed allora vedo anche il più piccolo pulviscolo nella mia anima e prima di ogni Santa Comunione desidererei purificarla.
L'ho chiesto al confessore e mi ha risposto che non è necessario confessarsi prima di ogni santa Comunione. 
Tali minuzie le cancella la Santa Comunione ed è una tentazione pensare a confessarsi al momento di ricevere l'Eucaristia.
Diario di Suor Faustina

venerdì 14 gennaio 2022

Non aver paura di nulla

Non aver paura di nulla. Non ti capiterà niente se Io non voglio.
Gesù a Suor Faustina
Diario


martedì 11 gennaio 2022

La visione del Paradiso


Oggi in ispirito sono stata in paradiso e ho visto l’inconcepibile bellezza e felicità che ci attende dopo la morte. Ho visto come tutte le creature rendono incessantemente onore e gloria a Dio. Ho visto quanto è grande la felicità in Dio, che si riversa su tutte le creature, rendendole felici. Poi ogni gloria ed onore che ha reso felici le creature ritorna alla sorgente ed esse entrano nella profondità di Dio, contemplano la vita interiore di Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, che non riusciranno mai né a capire né a sviscerare. Questa sorgente di felicità è immutabile nella sua essenza, ma sempre nuova e scaturisce per la beatitudine di tutte le creature. 

lunedì 10 gennaio 2022

La felicità è con Dio nel cuore

Quale felicità avere la consapevolezza che Dio è nel proprio cuore e vivere in stretta intimità con Lui.
Diario di Suor Faustina
Q. III, 1135


sabato 8 gennaio 2022

Per un giorno, nessuna anima è finita all'inferno!

Dobbiamo ricordarci della data dell'8 gennaio 1937. In quel giorno, infatti, le preghiere di Santa Faustina hanno saputo smuovere la misericordia di Gesù fino al punto da salvare dal fuoco dell'inferno tutte le anime decedute in quella data.
Dal Diario di Suor Faustina (8 gennaio 1937):
Durante la santa Messa ho sentito in modo particolare la presenza del Signore. Dopo la santa Comunione guardai con fiducia il Signore e Gli dissi: «Desidero tanto dirTi una cosa».
Ed il Signore si rivolse verso di me con amore e disse: «E cosa desideri dirMi?» 
«Gesù, Ti prego per l'inconcepibile potenza della Tua Misericordia, che tutte le anime che muoiono oggi evitino il fuoco dell'inferno, anche se sono i più grandi peccatori. Oggi è venerdì, che ricorda la Tua dolorosa agonia sulla croce; siccome la Tua Misericordia è inimmaginabile, gli angeli non si meraviglieranno per questo». 
E Gesù mi strinse al Suo Cuore e disse: «Figlia amata, hai conosciuto bene l'abisso della Mia Misericordia. Farò come chiedi, ma unisciti continuamente al Mio Cuore agonizzante e soddisfa la Mia giustizia. Sappi che Mi hai chiesto una cosa grande, ma vedo che te l'ha suggerita il puro amore verso di Me; per questo esaudirò la tua richiesta».

giovedì 6 gennaio 2022

L'enormità dell'amore di Dio nell'Epifania

6 gennaio 1937.
Oggi durante la S. Messa mi sono immersa inconsapevolmente nell'infinita Maestà di Dio. Tutta l'enormità dell'amore di Dio mi ha inondato l'anima.
In quel particolare momento ho conosciuto in che grande misura Dio si è abbassato per me, il Signore dei signori. 
E cosa sono io miserabile, che tratti così familiarmente con me? 
Lo stupore che mi ha invaso dopo quella grazia particolare è durato in modo molto accentuato per tutta la giornata. 
Approfittando della confidenza, alla quale il Signore mi ammette, L'ho pregato per tutto il mondo. In quei momenti mi sembra che tutto il mondo dipenda da me.
Diario di Suor Faustina

domenica 2 gennaio 2022

Gesù, che conosci la mia debolezza, resta con me durante quest'anno

Quando penso ad un santo augurio per un compleanno, non posso pensare che a questa invocazione di Suor Faustina...
Dal Diario di Suor Faustina:
Gesù, che conosci la mia debolezza, resta con me durante quest'anno. 
Sostieni il mio essere, guida le mie azioni: sii per me «il maestro». 
M'impaurisce la mia miseria, ma mi rassicura il pensiero della Tua misericordia, che è più grande della mia miseria sulla misura dell'eternità. 
Quando io provo questa convinzione, sento su di me il Tuo potere. 
O gioia, che derivi dalla conoscenza di noi stessi! 
O verità immutabile d'un'infinita misericordia, il tuo valore è eterno!

sabato 1 gennaio 2022

Salve, anno nuovo!

Diario di Suor Faustina, 1 gennaio 1938:
Salve, anno nuovo, in cui la mia perfezione verrà rifinita.
Ti ringrazio in anticipo, Signore, per tutto quello che mi manderà la Tua benevolenza. 
Ti ringrazio per il calice delle sofferenze, dal quale berrò ogni giorno. Non ridurre la sua amarezza, Signore, ma rafforza le mie labbra, affinché assaporando l'amarezza io sappia sorridere per amor Tuo, o mio Maestro. 
Ti ringrazio per tutte le consolazioni e le grazie che non sono in grado di enumerare, che ogni giorno scendono su di me silenziose ed invisibili, come la rugiada del mattino, in modo che nessun occhio di qualche creatura curiosa possa scorgerle, ma che conosciamo soltanto Tu e io, o Signore. 
Per tutto questo Ti ringrazio fin d'ora, poiché nel momento in cui mi porgerai il calice, forse il mio cuore non sarà in grado di ringraziarTi.