giovedì 31 dicembre 2020

Un anno ricco di grazie

Finisce l'anno. 
Oggi ho fatto il ritiro spirituale mensile. Il mio spirito si è concentrato sui benefici elargitimi dal Signore nel corso di tutto l'anno. 
La mia anima ha tremato alla vista dell'enorme quantità di grazie che Dio mi ha concesso. È sgorgato dalla mia anima un inno di ringraziamento a Dio. Per un'ora intera mi sono immersa nell'adorazione e nei ringraziamento, considerando i singoli benefici di Dio ed anche le mie piccole manchevolezze.Tutto ciò che quest'anno ha racchiuso in sé, è andato nell'abisso dell'eternità. Nulla si perde. Sono contenta che non si perda nulla.
30 dicembre 1936.
Diario di Suor Faustina

mercoledì 30 dicembre 2020

Se un’anima ama sinceramente Dio, nulla è in grado di vincolarne la vita interiore

Ecco una grandissima lezione per me che ad ogni confessione settimanale sono dispiaciuto di dover confessare che nel lavoro non riesco a restare fuori da certe questioni che finiscono per tirare anche me dentro il fango più sporco, lordando l'anima...
Dal Diario di Suor Faustina:
Se un’anima ama sinceramente Dio ed è unita a Lui interiormente, benché all’esterno viva in condizioni difficili, nulla è in grado di vincolarne la vita interiore. 
Anche in mezzo alla corruzione, può essere pura ed intatta, poiché il grande amore di Dio le dà la forza per la lotta e Dio stesso difende in modo particolare, anche in maniera miracolosa, l’anima che Lo ama sinceramente.

lunedì 28 dicembre 2020

Una piccola, silenziosa dimora per Gesù

Desidero essere una piccola, silenziosa dimora dove Gesù possa riposarsi. Non farò entrare nulla che possa svegliare il mio Diletto.
Diario di Suor Faustina
(Q. III,1021)


sabato 26 dicembre 2020

Suor Faustina vede Gesù Bambino

Diario di Suor Faustina, 25 dicembre 1934.
Messa di Mezzanotte. Appena uscì la santa Messa, il raccoglimento interiore si impadronì di me, la gioia inondò la mia anima. Durante l’offertorio vidi Gesù sull’altare; era di una bellezza incomparabile. 
Il Bambinello per tutto il tempo guardò verso tutti, tendendo le manine.
Quando ci fu l’elevazione il Bambinello non guardò verso la cappella, ma verso il cielo; dopo l’elevazione si rivolse di nuovo verso di noi, ma per poco tempo, poiché come al solito venne spezzato e mangiato dal sacerdote. La fascia l’aveva bianca. 
Il giorno dopo vidi la stessa cosa e lo stesso vidi il terzo giorno. E’ difficile esprimere la gioia che avevo nell’anima. 
Questa visione si ripetè durante tre sante Messe, esattamente come nelle prime.

venerdì 25 dicembre 2020

O grande, ineffabile Iddio

O grande, ineffabile Iddio che Ti sei degnato di abbassarti tanto, a Te rendo umilmente gloria e Ti supplico perché Ti degni di salvarmi.
Diario di Suor Faustina


giovedì 24 dicembre 2020

Ti attendo Signore

Arriva il Natale ed io, io mi sento così.
Dal Diario di Suor Faustina:
L’anima attende la venuta del Signore.
Non so, Signore, a che ora verrai, Perciò vigilo continuamente e sto in ascolto, Come sposa da Te prescelta; Poiché so che Ti piace giungere non visto, Ma un cuore puro, Signore, Ti sente da lontano. Ti attendo, Signore, nella quiete e nel silenzio, Con una grande nostalgia nel cuore, con un desiderio insopprimibile. Sento che il mio amore per Te diventa un fuoco E come una fiamma, alla fine della vita, s'innalza verso il cielo. Allora si realizzeranno tutti i miei desideri. Vieni ormai, mio dolcissimo Signore, E porta il mio cuore assetato, Là con Te nelle regioni eccelse dei cieli, Dove dura in eterno la Tua vita. La vita sulla terra è un'agonia continua, Mentre il mio cuore sente d'esser creato per grandi altezze E non l'attirano i bassipiani di questa vita, Poiché la mia patria è il cielo. Questa è la mia fede incrollabile.

sabato 19 dicembre 2020

L'anima più abbandonata

C‘è mai stata un‘anima così abbandonata come Te, o Gesù, sulla croce?
Diario di Suor Faustina
(Q. II, 533)


mercoledì 16 dicembre 2020

martedì 15 dicembre 2020

Assomigliare a Gesù

Maggiori sono le sofferenze, tanto più mi rendo conto di assomigliare a Gesù.
Diario di Suor Faustina
(Q. V, 1394)


giovedì 10 dicembre 2020

La necessità della preghiera

Con la preghiera l’anima si prepara ad affrontare qualsiasi battaglia. In qualunque condizione si trovi un’anima, deve pregare.
Deve pregare l’anima pura e bella, poiché diversamente perderebbe la sua bellezza. 
Deve pregare l’anima che tende alla purezza, altrimenti non vi giungerà. 
Deve pregare l’anima che si è appena convertita, diversamente cadrebbe di nuovo. 
Deve pregare l’anima peccatrice, immersa nei peccati, per poter risorgere. 
E non c’è anima, che non abbia il dovere di pregare, poiché ogni grazia arriva tramite la preghiera. Ricordo che la luce l’ho ricevuta in massima parte durante l’adorazione di mezz’ora, che facevo ogni giorno durante tutta la Quaresima, stando distesa a forma di croce davanti al Santissimo Sacramento.
Diario di Suor Faustina

domenica 6 dicembre 2020

L'Avvento

Trascorrerò questo Avvento secondo le indicazioni datemi dalla Madonna: nella mitezza e nell'umiltà.
Diario di Suor Faustina