domenica 31 maggio 2020

La Pentecoste

Mi sono alzata molto prima del solito e sono andata in cappella ad immergermi nell'amore di Dio.
Prima di ricevere la santa Comunione ho rinnovato a bassa voce i miei voti religiosi. 
Dopo la santa Comunione si è impadronito di me l'inconcepibile amore di Dio. 
La mia anima è stata in contatto diretto con lo Spirito Santo, che è lo stesso Signore, come il Padre ed il Figlio. Il Suo soffio ha riempito la mia anima di una tale gioia che invano mi sforzerei di descriverla, se volessi dare anche solo in parte un'idea di ciò che ha provato il mio cuore. 
Ovunque, per tutta la giornata, in qualunque parte fossi, con chiunque parlassi mi è stata compagna la viva presenza di Dio. 
La mia anima si è immersa nel ringraziamento per queste grandi grazie.
Diario di Suor Faustina (Pentecoste dell'anno 1938)

sabato 23 maggio 2020

Ho fiducia in Te

Ho fiducia in Te,
o Dio Misericordioso e desidero mostrare io per prima,
quella fiducia che esigi dalle anime.
Diario di Suor Faustina
(Q. II, 615)


Medita la Mia dolorosa passione

«Sono poche le anime che meditano sulla Mia Passione con vero sentimento. Alle anime che meditano devotamente sulla Mia Passione concedo il maggior numero di grazie».
Diario di Suor Faustina
Avere spesso nella mente la dolorosa passione di Gesù è un qualcosa che ci viene raccomandato da Gesù stesso. Un paio di anni fa - subito dopo la conversione - mi rimbombava in testa questo concetto, espresso a più riprese nel Diario di Suor Faustina, senza capire a fondo cosa significasse.
Quella stessa sera, nel corso di una chiacchierata familiare, una carissima amica mi parlò della Beata Anna Caterina Emmerick... ma al riguardo della vita di Maria, la Madre di Gesù. Incuriosito, quella stessa sera frugai nel web alla ricerca di informazioni sulla Beata, scoprendo che su ispirazione divina ha assistito in spirito alla passione di Gesù!

venerdì 22 maggio 2020

La nostra lotta di ogni giorno

Nel seguente brano del Diario di Suor Faustina non ho faticato a ritrovare me nei panni dell'anima di cui parla la santa... Me al bivio che ogni giorno, dall'alba al tramonto, incontro davanti, nella mia strada.
Diario di Suor Faustina, 22 marzo 1937:
Oggi, parlando con una persona ho compreso che era un'anima che soffriva molto, sebbene esteriormente si desse l'aria di chi non soffre affatto ed è contenta. Ed ho avuto l'ispirazione di dirle che quello che la tormentava era una tentazione. Non appena le ho rivelato ciò che la tormentava, è scoppiata a piangere forte e mi ha detto che era venuta da me proprio per parlarne, perché sentiva che ne avrebbe
ricavato sollievo. La sua sofferenza consisteva nel fatto che quell'anima da una parte era attratta dalla grazia di Dio, e dall'altra dal mondo. Stava attraversando una lotta terribile, tanto che si è messa a piangere come un bambino. È ripartita tranquillizzata e calma.

giovedì 21 maggio 2020

Nessuna cosa avviene senza che Dio l'abbia voluta

Non esistono parole sufficienti ad esprimere cosa prova un'anima che si rende conto di essere amata da Gesù.
Come Gesù ama noi, Suoi figli, nessuno è capace di farlo!
Ancora una volta, grazie Gesù; confido in Te.
Dal Diario di Suor Faustina:
O Gesù, desidero vivere nel momento attuale come se fosse l'ultimo della mia vita. 
Desidero farlo servire alla tua gloria. 
Desidero che esso sia per me un guadagno. 
Desidero guardare ogni momento dal punto di vista della mia certezza che nessuna cosa avviene senza che Dio l'abbia voluta.

sabato 16 maggio 2020

Non viene nessuno a farmi visita...

Nel Diario di Suor Faustina possiamo trovare le giuste risposte - quelle di Gesù - ad ogni nostro problema e ad ogni nostra esigenza.
Uno dei disagi dei nostri tempi è quello conseguente al sentirsi abbandonati o soli... Quella terribile sensazione che a volte si prova a causa di certi pensieri su persone a cui, magari, abbiamo dato moltissimo e da cui ci sentiamo completamente trascurati.
Ecco, Gesù ci parla nel Diario in un piccolo episodio vissuto da Santa Faustina e che leggiamo insieme.
Dal Diario di Suor Faustina, 18 dicembre 1936.
Oggi ero abbattuta poiché è già una settimana che non viene nessuno a farmi visita.
Quando mi sono lamentata col Signore, mi ha detto: «Non ti basta che vengo Io ogni giorno a farti visita?»
Chiesi perdono al Signore e scomparve l'abbattimento. O Dio, o mio Sostegno, mi basti Tu.

giovedì 14 maggio 2020

Sulle conversazioni

È bene invocare l'aiuto del Signore mentre si sta conversando con una persona. Ho molta paura di conversazioni, le quali sembrano confidenziali: occorre da parte di Dio che ci dia luce affinché tali discorsi riescano utili alle anime. Dio viene in aiuto ma bisogna chiederlo, e non fidarsi totalmente della propria abilità. O mio Gesù, so che per essere utili alle anime bisogna unirsi strettamente a te. O amore eterno, una parola sola di un'anima unita strettamente a te procura alle altre un bene assai maggiore di quanto non lo facciano i grandi discorsi ed i sermoni di un'anima imperfetta.

giovedì 7 maggio 2020

Confido in Te incrollabilmente

Ecco il bellissimo lascito di Suor Faustina... un impegno rinnovato nell'amore per Gesù e nella fiducia, piena e incrollabile nella Sua misericordia.
Gesù, così desidero che possa essere anche per me.
Dal Diario di Suor Faustina:
Gesù mio, gli ultimi giorni della mia vita sulla terra siano completamente conformi alla Tua santa volontà. 
Unisco le mie sofferenze, le amarezze e l'agonia alla Tua passione e tutto offro per il mondo intero, per impetrare l'abbondanza della divina misericordia sulle anime, specialmente quelle che sono vissute accanto a me. 
Confido in Te incrollabilmente. 
Totalmente mi rimetto alla Tua santa volontà, che è la misericordia stessa. 
La Tua misericordia sarà tutto per me in quell'ora estrema, come Tu stesso promettesti.

martedì 5 maggio 2020

5 maggio 2000: Papa Giovanni Paolo II istituisce la Festa della Divina Misericordia

5 maggio 2000: La Domenica dopo Pasqua è la Festa della Divina Misericordia.
Lo ha stabilito la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti emette il Decreto per la Domenica della Divina Misericordia. 
Ad approvare la festa fu Papa Giovanni Paolo II nel 1992 che la fissò una settimana dopo la Pasqua, la cosiddetta “Domenica in albis”. A volerla, secondo le visioni avute da suor Faustina Kowalska, la religiosa polacca canonizzata da Wojtyla nel 2000, fu Gesù stesso. Dove è stata celebrata per prima questa ricorrenza?
Il card. Franciszek Macharski con la Lettera Pastorale per la Quaresima (1985) ha introdotto la festa nella diocesi di Cracovia e seguendo il suo esempio, negli anni successivi, lo hanno fatto i vescovi di altre diocesi in Polonia. Il culto della Divina Misericordia nella prima domenica dopo Pasqua nel santuario di Cracovia - Lagiewniki era già presente nel 1944. La partecipazione alle funzioni era così numerosa che la Congregazione ha ottenuto l'indulgenza plenaria, concessa nel 1951 per sette anni dal card. Adam Sapieha. Dalle pagine del Diario sappiamo che suor Faustina Kowalska fu la prima a celebrare individualmente questa festa con il permesso del confessore.

domenica 3 maggio 2020

La Madonna parla delle tre virtù care a Dio

La Madonna parla a Suor Faustina delle virtù care a Dio.
Prima della santa Comunione ho visto la Madre SS.ma di una bellezza inconcepibile. Sorridendomi mi ha detto: «Figlia Mia, per raccomandazione di Dio debbo esserti Madre in modo esclusivo e speciale, ma desidero che anche tu Mi sia figlia in modo particolare. Desidero, figlia Mia carissima, che ti eserciti in tre virtù, che per Me sono le più care e a Dio le più gradite. La prima è l'umiltà, l'umiltà, e ancora una volta l'umiltà. La seconda virtù è la purezza. La terza virtù è l'amore per Iddio. In qualità di figlia Mia devi risplendere in modo particolare per queste virtù».
Dopo che ebbe finito di parlare, mi ha stretto al suo Cuore ed è scomparsa.
Diario di Suor Faustina

venerdì 1 maggio 2020

I voti perpetui

1 Maggio 1933.
L'unione con Gesù nel giorno dei voti perpetui. 
O Gesù, il Tuo Cuore è da oggi mia proprietà, ed il mio cuore è Tua proprietà esclusiva. Il semplice ricordo del Tuo Nome, o Gesù, è una delizia per il mio cuore. In verità non potrei vivere nemmeno un istante senza di Te, o Gesù! Oggi la mia anima è annegata in Te, come nell'unico suo tesoro. il mio amore non conosce impedimenti nel dare dimostrazioni d'attaccamento al suo Diletto. 
Parole di Gesù durante la funzione dei voti perpetui: «Mia Sposa, i nostri cuori sono uniti per l'eternità. Ricordati a chi sei impegnata...». 
Non è possibile riferire tutto!