domenica 28 gennaio 2018

Signore non allontanarTi da me

Fa’ di me
quello che Ti piace;
sono pronta a tutto.
Ma Tu,
Signore,
non allontanarTi
da me
nemmeno
un istante.
Santa Faustina
Diario (Q. II, 529)

domenica 21 gennaio 2018

Una sola parola...

Una parola sola di un’anima unita strettamente a Te procura alle altre un bene assai maggiore di quanto non lo facciano i grandi discorsi ed i sermoni di un’anima imperfetta.
Diario di Suor Faustina


giovedì 18 gennaio 2018

L'anima veramente unita a Dio

Comprendo bene ora che ciò che unisce nel modo più stretto un'anima a Dio è il rinnegamento di sé, cioè l'unione della nostra volontà alla volontà di Dio.
Diario di Suor Faustina

domenica 14 gennaio 2018

Preghiera per gli ammalati

Quando una persona che ci è cara vive la dimensione della malattia, capita che ci troviamo ad arrancare e, talvolta, a non sapere che fare per migliorare la condizione degli amati.
Eppure, la preghiera è la forma più potente di carità e di amore perché lascia a Gesù di agire secondo la Sua volontà e secondo il vero e ultimo nostro bene.
Santa Faustina ci aiuta con una preghiera particolare per gli ammalati:
Gesù, il Tuo Sangue
puro e sano
circoli nel mio organismo malato,
ed il Tuo Corpo puro e sano
trasformi il mio corpo malato
e pulsi in me una vita
sana e forte,
se è la Tua Santa Volontà.

Suor Faustina Diario

lunedì 8 gennaio 2018

Tu, Gesù, sei la mia luce

Naviga la barca della mia vita, fra il buio e le ombre della notte, e non vedo nessun approdo: sono in balia del mare profondo.
La più piccola tempesta potrebbe affondarmi sprofondando la mia barca nel vortice delle onde, se non vegliassi su di me, Tu stesso, o Dio, in ogni momento della mia vita, in ogni istante.
In mezzo al rumoroso frastuono delle onde navigo tranquillamente con fiducia, e guardo avanti senza timore come un bimbo poiché Tu, Gesù, sei la mia luce.
Tutto intorno orrore e spavento, ma la mia pace è più profonda della tempesta del mare, perché chi è con Te, Signore, non perisce.
Me lo assicura il Tuo amore divino.
Benché all’intorno sia pieno di pericoli, non li temo perché guardo il cielo stellato e navigo con coraggio ed in letizia come conviene a un cuore puro.
Ma soprattutto, unicamente perché sei Tu, o Dio, il mio timoniere, la barca della mia vita naviga così serenamente.
Lo riconosco nella più profonda umiltà.