venerdì 16 aprile 2021

Santità, Giustizia e Misericordia di Dio

Il Signore mi elargì molta luce per farmi conoscere i Suoi attributi.
Il primo attributo che il Signore mi fece conoscere è la Sua Santità. Tale Santità è così grande, che davanti a Lui tremano tutte le Potenze e le Virtù. La Santità di Dio è distribuita sulla Chiesae su ogni suo membro, ma non in uguale misura. Ci sono delle anime completamente divinizzate, ma ci sono anche anime che vivono a malapena. 
Il secondo attributo che il Signore mi fece conoscere è la Sua Giustizia. La Sua Giustizia è così grande e penetrante che raggiunge fino in fondo l’essenza delle cose e tutto davanti a Lui è nella sua nuda realtà. 
Il terzo attributo è l’Amore e la Misericordia. E compresi che l’Amore e la Misericordia è l’attributo più grande. Esso unisce la creatura al Creatore. L’amore più grande e l’abisso della Misericordia li riconosco nell’Incarnazione del Verbo, nella Redenzione da Lui operata. E da ciò compresi che questo attributo è il più grande in Dio.
Diario di Suor Faustina

mercoledì 14 aprile 2021

Se non mi sostenessi Tu...

L'importanza assoluta di frequentare la messa anche nel corso della settimana è racchiusa nell'evidenza delle parole di Santa Faustina che ha ben compreso la forza incommensurabile di Gesù racchiuso nell'Ostia.
Diario di Suor Faustina (Q. VI, 1620):
O Gesù Ostia,
se non mi sostenessi Tu,
non saprei resistere sulla croce,
non riuscirei a sopportare tante sofferenze.

sabato 10 aprile 2021

La Festa della Divina Misericordia

E' la più importante di tutte le forme di culto alla Divina Misericordia. Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa a suor Faustina a Plock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia". Negli anni successivi - secondo gli studi di don I. Rozycki - Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.

L'origine della Festa della Divina Misericordia

La Festa della Divina Misericordia è la più importante tra tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia. Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa a suor Faustina a Plock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia" (Quaderno I, pagina 27). Negli anni successivi - secondo gli studi di don I. Rozycki - Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.
La scelta della prima domenica dopo Pasqua ha un suo profondo senso teologico: indica lo stretto legame tra il mistero pasquale della Redenzione e la festa della Misericordia

Festa della Divina Misericordia e Misericordia: tutto ciò che ha detto Gesù

Gesù è intervenuto a più riprese con Santa Faustina Kowalska, parlandole della necessità di istituire la Festa della Divina Misericordia nella prima domenica dopo Pasqua e lo ha fatto con parole chiare e semplici, legando alla festa anche il perdono totale delle colpe e delle pene per i fedeli. Identicamente, moltissimi sono stati i passaggi legati espressamente all'importanza della Misericordia.
Leggere le parole di Gesù, susseguitesi nel tempo e riportate fedelmente da Santa Faustina è un vero balsamo per tutti noi, un autentico invito alla conversione e alla salvezza.

La Festa della Divina Misericordia e il dono dell'indulgenza plenaria

La Domenica dopo Pasqua è la Festa della Divina Misericordia.
Una festa voluta da Gesù, ottenuta per il tramite di Santa Suor Faustina e stabilita da Papa Giovanni Paolo II.
Gesù ci ha detto: "In quel giorno, chi si accosterà alla sorgente della vita questi conseguirà la remissione totale delle colpe e delle pene". (Diario di Suor Faustina)
La festa della Divina Misericordia è la più importante di tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia. Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa a suor Faustina a Plock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia" (Q. I, p. 27). Negli anni successivi - secondo gli studi di don I. Rozycki - Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.

mercoledì 7 aprile 2021

La misericordia e la giustizia

La misericordia di Gesù è insondabile e incomprensibile per noi, ma è un’opportunità che va colta. L’alternativa è subire la giustizia divina, non vi sono ulteriori vie.
Scrivi: prima che Io venga come Giudice giusto, spalanco la porta della Mia Misericordia. Chi non vuole passare attraverso la porta della Misericordia, deve passare attraverso la porta della Mia giustizia. 
Diario di Suor Faustina

domenica 4 aprile 2021

Pasqua del Signore

28 marzo 1937. Domenica di Pasqua.
La «Risurrezione». Durante la celebrazione della «Risurrezione», ho visto il Signore nella bellezza e nello splendore e mi ha detto: «Figlia Mia, pace a te.» Ha benedetto ed è scomparso, e la mia anima fu ripiena di gioia e d'esultanza indescrivibile.
Il mio cuore si rafforzò per la lotta e per le sofferenze.
Oggi ho parlato col Padre, il quale mi ha raccomandato grande prudenza in queste improvvise apparizioni di Gesù.
Quando ha parlato della Misericordia di Dio, nel mio cuore sono entrati una forza ed un vigore strani. Mio Dio, desidero tanto rivelare tutto, ma non posso.
Il Padre mi dice che Gesù è molto generoso nel darsi ad un'anima, ma nello stesso tempo da un altro punto di vista è quasi avaro. «Benché sia grande la generosità di Dio - mi ha detto il Padre - tuttavia sia prudente, poiché questo improvviso apparire suscita sospetti, nonostante che io non veda qui nulla di male, né niente che sia in contrasto con la fede. Sia un po' più prudente; quando la Madre verrà, può parlare di tali questioni».

sabato 3 aprile 2021

Il film completo sulla vita di Suor Faustina

Con grandissimo piacere, dopo averlo visto due volte (e altre seguiranno), desidero presentarvi il film completo sulla vita di Suor Faustina.
E' una produzione televisiva polacca, interamente sottotitolata in lingua italiana in maniera tale da essere godibile da noi tutti.
Il film riporta alcune parti essenziali della vita di Suor Faustina, concentrandosi sui capitoli principali: la chiamata, il fortissimo legame con Gesù Misericordioso, i rapporti con le madri superiore e le altre suore, la conoscenza con Don Michele Sopocko (suo confessore), l'estrema umiltà.
Ovviamente, in poco più di un'ora e dieci minuti non è stato possibile essere esaustivi, ma posso garantirvi che la visione di questo film può rivelarsi molto importante per il nostro cammino di conversione.

venerdì 2 aprile 2021

La Novena alla Divina Misericordia

La Festa della Divina Misericordia (la Domenica dopo Pasqua) è proficuamente preceduta da una novena (che prende avvio il Venerdì Santo) che consiste nel pregare con la Coroncina alla Divina Misericordia. Nel Diario di Suor Faustina è riportata anche una Novena, che Gesù ha dettato alla santa solo per il suo uso privato e ha fatto una promessa riguardante soltanto lei. I fedeli in tutto il mondo possono fare anche questa novena in preparazione alla Festa.
«Desidero - ha detto Gesù Cristo a S. Faustina - che durante questi nove giorni tu conduca le anime alla fonte della Mia misericordia, affinché attingano forza, refrigerio ed ogni grazia, di cui hanno bisogno per le difficoltà della vita e specialmente nell'ora della morte. Ogni giorno condurrai al Mio cuore un diverso gruppo di anime e le immergerai nel mare della Mia misericordia. E io tutte queste anime le introdurrò nella casa del Padre mio. Lo farai in questa vita e nella vita futura. E non rifiuterò nulla a nessun'anima che condurrai alla fonte della Mia misericordia. Ogni giorno chiederai al Padre mio le grazie per queste anime per la mia dolorosa Passione».

Venerdì Santo e la Novena alla Divina Misericordia

Venerdì Santo. 26 Marzo 1937.
Fin dal mattino ho provato nel mio corpo lo strazio delle Sue cinque Piaghe. Questa sofferenza è durata fino alle tre. 
Benché all'esterno non ci sia alcuna traccia, tuttavia queste torture non sono meno dolorose. Sono lieta che Gesù mi difenda dagli sguardi della gente. 
Alle undici Gesù mi ha detto: «O Mia Vittima, Tu sei un refrigerio per il Mio Cuore martoriato». 
Dopo queste parole pensavo che il mio cuore prendesse fuoco. E m'introdusse in un'intima unione con Lui, ed il mio cuore si sposò col Suo Cuore in modo amoroso, sentivo i Suoi più deboli palpiti ed Egli i miei. Il fuoco provocato dal mio amore venne unito all'ardore del Suo amore eterno. Questa grazia supera per la sua enormità tutte le altre.

Venerdì Santo

Il Venerdì Santo, alle tre del pomeriggio, quando entrai in cappella, udii queste parole:
«Desidero che quell'immagine venga pubblicamente venerata»
e subito vidi Gesù che agonizzava sulla croce fra atroci tormenti e dal Cuore di Gesù uscirono gli stessi due raggi che ci sono in quell'immagine.


mercoledì 31 marzo 2021

Giovedì Santo. Ti darò una piccola parte della Mia Passione

Giovedì Santo. 25 Marzo 1937.
Durante la santa Messa ho visto il Signore, che mi ha detto: «Posa il tuo capo sul Mio petto e riposati». Il Signore mi strinse al Suo Cuore e disse: «Ti darò una piccola parte della Mia Passione, ma non temere, sii forte; non cercare sollievo, e accetta tutto sottomettendoti alla Mia volontà»
Mentre il Signore se ne andava, un dolore così acuto mi strinse l'anima, che non è possibile esprimerlo. Mi vennero a mancare le forze fisiche, uscii presto dalla cappella e mi coricai. Dimenticai quello che avveniva intorno a me, l'anima mia anelava al Signore e tutta l'amarezza del Suo Cuore divino si comunicò a me. Ciò durò circa tre ore. 
Pregai il Signore perché mi preservasse dalla vista di quanti mi stavano attorno. 
Benché lo volessi, non potei prendere alcun cibo per tutto il giorno fino alla sera. Desideravo ardentemente passare tutta la notte nel fondo della prigione oscura, assieme a Gesù. Ho pregato fino alle undici.

Mercoledì Santo. O mio Gesù, Ti prego per tutta la Chiesa

Mercoledì Santo. 24 Marzo 1937.
Il mio cuore anela a Dio, desidero unirmi a Lui, un leggero timore mi trafigge l'anima e nello stesso tempo una fiamma d'amore mi accende il cuore. L'amore e la sofferenza sono uniti nel mio cuore. Provo nel mio corpo molte sofferenze, ma sento che il Signore mi sostiene, poiché diversamente non riuscirei a sopportarle. O mio Gesù, Ti prego per tutta la Chiesa, concedile l'amore e la luce del Tuo Spirito, da' vigore alle parole dei sacerdoti, in modo che i cuori induriti si inteneriscano e ritornino a Te, Signore. O Signore, dacci santi sacerdoti; Tu stesso conservali nella santità. O Divino e Sommo Sacerdote, la potenza della Tua Misericordia li accompagni ovunque e li difenda dalle insidie e dai lacci del diavolo, che egli tende continuamente alle anime dei sacerdoti. La potenza della Tua Misericordia, o Signore, spezzi ed annienti tutto ciò che può oscurare la santità dei sacerdoti, poiché Tu puoi tutto.

martedì 30 marzo 2021

Martedì Santo. La visione dell'istituzione della Festa della Divina Misericordia

Oggi 23 è il Martedì Santo ed un giorno nel quale Dio mi ha concesso molte grazie. Improvvisamente la presenza di Dio mi ha sommersa e mi sono vista tutto ad un tratto a Roma, nella cappella del Santo Padre e contemporaneamente ero nella nostra cappella. E la solenne celebrazione del Santo Padre e di tutta la Chiesa era strettamente collegata con la nostra cappella ed in modo particolare con la nostra Congregazione e partecipavo contemporaneamente alla solennità a Roma e presso di noi. Questa solennità era così strettamente unita con Roma che, sebbene ne scrivo, non riesco a distinguere, ma tale è, cioè come ho visto. Ho visto nella nostra cappella Gesù esposto nell’Ostensorio sull'altare maggiore.

lunedì 29 marzo 2021

Lunedì Santo. Prendere parte alla Sua dolorosa Passione

Lunedì Santo. Ho pregato il Signore che mi permetta di prendere parte alla Sua dolorosa Passione, in modo che con l'anima e con il corpo io possa provarla in me, nella misura in cui può prendervi parte una creatura, per quanto ciò è possibile, affinché possa sentire tutta la Sua amarezza. Ed il Signore mi ha risposto che mi darà questa grazia e che giovedì dopo la santa Comunione me la concederà in una maniera singolare.

domenica 28 marzo 2021

Domenica delle Palme, osanna e crucifige

Domenica delle Palme. 21 marzo 1937.
Durante la santa Messa la mia anima è stata immersa nell'amarezza e nella sofferenza di Gesù. Gesù mi ha fatto conoscere quanto ha sofferto durante quel corteo trionfale. Agli «Osanna» facevano eco nel Cuore di Gesù i «Crucifige». Gesù mi ha fatto provare ciò in modo singolare.
Il medico non mi ha permesso di andare in cappella per la «Passione», benché lo desiderassi ardentemente; però ho pregato nella mia stanza. Ad un tratto ho inteso il campanello della stanza accanto, sono entrata ed ho fatto un servizio ad un malato grave. Quando sono rientrata nella mia stanza, all'improvviso ho visto Gesù che mi ha detto: «Figlia Mia, Mi hai procurato una gioia più grande facendoMi quel servizio, che se avessi pregato a lungo». Ho risposto: «Ma, Gesù mio, io non ho fatto il servizio a Te, ma a quel malato». Ed il Signore mi ha risposto: «Si, figlia Mia, qualunque cosa fai al prossimo, la fai a Me».

La Domenica delle Palme e l'ingratitudine degli uomini

La Domenica delle Palme.
In questa domenica ho sperimentato in modo particolare i sentimenti del dolcissimo Cuore di Gesù. 
Il mio spirito era là dov'era Gesù. Ho visto Gesù seduto sull'asinello, e i discepoli ed una grande folla che andava assieme a Gesù tutta festante con dei rami in mano. Ed alcuni li gettavano sotto i piedi dove passava Gesù, ed altri tenevano i rami in alto agitandosi e saltando davanti al Signore e non sapevano che fare dalla gioia. 
E vidi un'altra folla che usciva incontro a Gesù, anche loro coi volti sorridenti e con rami in mano e gridavano in continuazione dalla gioia e c'erano anche dei bambini piccoli, ma Gesù era molto serio. 
Ed il Signore mi fece conoscere quanto soffrì in quelle circostanze. E in quel momento non vidi nient'altro all'infuori di Gesù che aveva il cuore gonfio per l'ingratitudine.

martedì 23 marzo 2021

La visione del Purgatorio

Poco tempo dopo mi ammalai. La cara Madre Superiora mi mandò, assieme ad altre due suore, a passare le vacanze a Skolimòw, un po’ fuori Varsavia.
In quel tempo domandai al Signore Gesù: «Per chi ancora devo pregare?». Gesù mi rispose che la notte seguente m’avrebbe fatto conoscere per chi dovevo pregare. 
Vidi l’Angelo Custode, che mi ordinò di seguirlo. 
In un momento mi trovai in un luogo nebbioso, invaso dal fuoco e, in esso, una folla enorme di anime sofferenti. Queste anime pregano con grande fervore, ma senza efficacia per se stesse: soltanto noi le possiamo aiutare. Le fiamme che bruciavano loro, non mi toccavano. 
Il mio Angelo Custode non mi abbandonò un solo istante. 
E chiesi a quelle anime quale fosse il loro maggior tormento. Ed unanimemente mi risposero che il loro maggior tormento è l’ardente desiderio di Dio. Scorsi la Madonna che visitava le anime del purgatorio. Le anime chiamano Maria «Stella del Mare». Ella reca loro refrigerio. 
Avrei voluto parlare più a lungo con loro, ma il mio Angelo Custode mi fece cenno d’uscire. Ed uscimmo dalla porta di quella prigione di dolore.

domenica 21 marzo 2021

La superbia tiene l'anima nelle tenebre

Un'anima non ricava adeguati vantaggi dal sacramento della confessione, se non è umile.
La superbia tiene l'anima nelle tenebre.
Diario di Suor Faustina Kowalska

venerdì 19 marzo 2021

San Giuseppe appare a Suor Faustina

Nel giorno della festa dedicata a San Giuseppe è bello ricordare quando proprio lui è apparso a Santa Suor Faustina:
San Giuseppe mi ha chiesto di avere per Lui una devozione continua.
Lui stesso mi ha detto di recitare ogni giorno tre preghiere assieme al Memorare [Pater, Ave e Gloria].
Mi ha guardato con molta cordialità e mi ha fatto conoscere quanto appoggia quest’opera e mi ha promesso il Suo aiuto particolarissimo e la sua protezione.
Recito ogni giorno le preghiere richieste e avverto la Sua speciale protezione.
Diario di Suor Faustina

giovedì 18 marzo 2021

Combatti per la salvezza delle anime

«Non aver paura, bambina Mia, non sei sola, combatti con coraggio, poiché il Mio braccio ti sostiene. Combatti per la salvezza delle anime, esortandole alla fiducia nella divina Misericordia, poiché questo è il tuo compito nella vita presente ed in quella futura».
Dopo queste parole ebbi una comprensione più profonda della divina Misericordia. 
Sarà dannata solo quell'anima che lo vorrà essa stessa, Iddio non condanna nessuno alla dannazione.
Diario di Suor Faustina (1-1-1938)

domenica 14 marzo 2021

Alcune anime sono come pietre, sempre fredde ed insensibili

Buon Gesù, se penso alle parole di Suor Faustina che seguono, mi vengono i brividi di vergogna. Io sono il primo, Gesù, che chiede, chiede e chiede. Chiedo sempre! Ma troppo poche volte, mio Signore, mi ricordo di ringraziarTi. Di ringraziarTi per tutto, sia le cose che i miei sensi vogliono giudicare come belle, sia quelle che i miei sensi vorrebbero definire brutte. Di tutto, Gesù, Ti devo ringraziare, perché so per certo che tutto ciò che viene da Te è sempre per il nostro bene.
Dal Diario di Suor Faustina (17-9-1937):
O Gesù, vedo tanta bellezza disseminata attorno a noi per la quale Ti ringrazio continuamente, ma noto che alcune anime sono come pietre, sempre fredde ed insensibili, nemmeno i miracoli le commuovono molto; hanno lo sguardo rivolto a terra e non vedono nient'altro all'infuori di se stesse. 
Mi hai circondata durante la vita con la Tua protezione sensibile ed affettuosa, più di quanto io possa immaginare, poiché comprenderò la Tua bontà in tutta la sua estensione solo quando mi cadranno i veli dagli occhi. 
Desidero che tutta la mia vita sia un unico ringraziamento per Te, o Dio.

venerdì 12 marzo 2021

Tutti noi peccatori possiamo attingere alla Divina Misericordia

Oggi il Signore mi disse: «Squarciai il Mio cuore come sorgente di misericordia, affinché tutte le anime vi attingano la vita. S'accostino, dunque, tutti con fiducia illimitata a questo oceano di pura bontà. I peccatori ne conseguiranno la giustificazione e i giusti saranno confermati nel bene. Nell'ora della morte, colmerò con la Mia divina pace l'anima che avrà collocato la sua fiducia nella Mia pura bontà. Ai sacerdoti che annunceranno la Mia misericordia, concederò una forza singolare e darò efficacia alle loro parole, commovendo i cuori di coloro ai quali essi si rivolgeranno».

mercoledì 10 marzo 2021

Ogni volta che senti l'orologio battere le tre

Ogni volta che senti l'orologio battere le tre, ricordati di immergerti tutta nella Mia misericordia, adorandola ed esaltandola; invoca la sua onnipotenza per il mondo intero e specialmente per i poveri peccatori, poiché fu in quell'ora che venne spalancala per ogni anima.
Gesù a Suor Faustina
Diario, ottobre 1937

martedì 2 marzo 2021

O umiltà, fiore stupendo

O umiltà, fiore stupendo sono poche le anime che ti possiedono!
Forse perché sei così bella e, al tempo stesso, tanto difficile da conquistare? 
Dell'umiltà Dio si rallegra. 
Sopra un'anima umile, egli apre i cieli e fa scendere un mare di grazia. 
A un'anima così Dio non rifiuta nulla. 
In tal modo essa diventa onnipotente e influisce sulla sorte del mondo intero. 
Più essa si umilia, più Dio si china su di lei, la copre della sua grazia, l'accompagna in tutti i momenti della vita. 
O umiltà, getta le tue radici nel mio essere.
Diario di Suor Faustina

domenica 28 febbraio 2021

venerdì 26 febbraio 2021

La Via Crucis

Ogni volta che faccio la Via Crucis, chiudo nella ferita aperta del Cuore di Gesù tutta la povera umanità e le singole persone che amo.
Diario di Suor Faustina



La Via Crucis

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Prima di meditare sulla Passione di Gesù, riconosciamoci umilmente peccatori dinanzi a Dio.

Preghiera introduttiva: Signore Misericordioso, mio Maestro, Vo­glio seguirTi fedelmente, Voglio imitarTi nella mia Vita in modo sempre più perfetto. Per questo Ti chiedo di concedermi attraverso la meditazione della Tua Passione la grazia di una sempre maggiore compren­sione dei misteri della vita spirituale. Maria, Madre di Misericordia, sempre fe­dele a Cristo, conducimi sulla via della Pas­sione dolorosa di Tuo Figlio e intercedi per me le grazie necessarie perché questa Via Crucis sia fruttuosa.

“Appena spirasti, Gesù, scaturì per le anime una sorgente di vita e si apri un mare di misericordia per il mondo intero. O Sorgente di Vita, insondabile Misericordia Di­vina, abbraccia il mondo intero e riversati sopra di noi!”

giovedì 25 febbraio 2021

Nelle tenebre ricorriamo a Gesù Misericordioso

Figlia Mia, voglio istruirti sulla lotta spirituale. 
Non confidare mai in te stessa, ma affidati completamente alla Mia volontà. 
Nell'abbandono, nelle tenebre e nei dubbi di ogni genere ricorri a Me ed al tuo direttore spirituale, che ti risponderà sempre a Mio nome.
Diario di Suor Faustina
Cracovia, 2 giugno 1938

domenica 21 febbraio 2021

Vivere come un'anima santa

Voglio vivere e morire come un'anima santa, fissa in Te, o Gesù disteso sulla croce, come sul modello secondo il quale debbo comportarmi.
Diario di Suor Faustina



sabato 20 febbraio 2021

L'accettazione

Qualunque cosa mi mandi la mano del mio Signore, la accetterò con gioia, sottomissione e amore.
Santa Suor Faustina
Diario - Q. III, 1004)


lunedì 15 febbraio 2021

Beato Don Michele Sopocko

La Provvidenza Divina, nella missione affidata alla Santa suor Faustina, designò un ruolo particolare al suo confessore e direttore spirituale - don Michele Sopocko (1888-1975). Durante il periodo in cui suor Faustina soggiornava a Vilna (Vilnius, Lituania), negli anni 1933-1936, questo sacerdote fu per lei un aiuto insostituibile nel discernimento delle visioni ed esperienze interiori. Proprio lui le ordinò di scrivere il suo “Diario”, che è un documento di mistica cattolica di valore eccezionale. In esso è rivelata anche la santità di vita sacerdotale di don Sopocko ed il suo contributo nella realizzazione delle richieste del Signore Gesù.Michele Sopocko nacque il 1 novembre 1888 a Nowosady nei pressi di Vilna (Vilnius, Lituania) in una nobile famiglia di tradizione patriottica. Nonostante le difficili condizioni di vita, i genitori
gli garantirono un’educazione a livello elementare. Il lavoro pesante in campagna, la necessità di lottare sempre per mantenere la famiglia, furono per i membri della famiglia Sopocko una scuola di vita e di carattere.

sabato 13 febbraio 2021

Gesù ama i nostri sacrifici se fatti nell'obbedienza

Durante l'adorazione serale, ho visto Gesù flagellato e torturato, che mi ha detto: “Figlia Mia, desidero che fin nelle più piccole cose dipenda dal confessore. I tuoi più grandi sacrifici non Mi piacciono, se li compi senza il permesso del confessore, mentre al contrario il più piccolo sacrificio ha una grande importanza ai Miei occhi, se è fatto col permesso del confessore. Le più grandi opere sono senza importanza ai Miei occhi se sono frutto del proprio arbitrio, e spesso non s'accordano con la Mia volontà e meritano piuttosto un castigo e non un premio; mentre la tua più piccola azione fatta col permesso del confessore, è gradita ai Miei occhi e Mi è immensamente cara. Convinciti bene di questo per sempre”. 
Diario di Suor Faustina

giovedì 11 febbraio 2021

O Maria Vergine Immacolata

O Maria,
Vergine Immacolata, 
prendimi sotto la Tua specialissima protezione 
e custodisci la purezza della mia anima, 
del mio cuore e del mio corpo. 
Tu sei il modello 
e la stella della mia vita.
Santa Faustina
Diario

mercoledì 3 febbraio 2021

Le fiamme della misericordia di Gesù

Quando leggo brani così toccanti, così importanti per le sorti dei singoli e del mondo intero, mi domando a cosa valgono le polemiche e le chiose sulle singole parole, su certi passaggi... Nulla! Nulla vale nulla di fronte al messaggio di Gesù Misericordioso: convertitevi e sarete perdonati.
Dal Diario di Suor Faustina:
Tenevo gli occhi sulla figura del Sacro Cuore.
All'improvviso, ne vidi uscire quegli stessi raggi che sono dipinti sull'immagine del Redentore misericordioso a indicare il sangue e l'acqua. 
Compresi quanto sia grande e ardente la misericordia del Signore. 
Gesù mi parlò con inesprimibile dolcezza: «Bambina mia, insisti con i sacerdoti su questa Mia inscrutabile misericordia. Le fiamme divampano in Me e intendo riversarle sulle anime, ma queste spesso si rifiutano d'affidarsi alla Mia misericordia».

sabato 30 gennaio 2021

Sono Re di Misericordia

Con la mia Misericordia inseguo i peccatori su tutte le loro strade ed il mio Cuore gioisce quando essi ritornano da me.
Dimentico le amarezze con le quali hanno abbeverato il mio Cuore e sono lieto per il loro ritorno…
Dì ai peccatori che li attendo sempre, sto in ascolto del battito del loro cuore per sapere quando batterà per me.
Gesù a Suor Faustina
Diario

mercoledì 27 gennaio 2021

La persecuzione

Può sembrare incredibile che una piccola e umilissima suora, chiusa dentro un convento, in spazi ristretti, sia  diventata santa. Ma l'incredulità appartiene all'assenza di fede.
Infatti, un'anima ricca di fede e amore per Gesù può non avere confini. Così accadeva a Suor Faustina che per grazia di Gesù viaggiò con lo spirito in diversi posti del mondo e persino nel tempo, per non parlare delle visioni di Inferno, Purgatorio e Paradiso.
Ma dentro il convento accadeva talvolta di vivere anche momenti di grandissima amarezza collegati alla relazione con le altre persone. Momenti di una durezza che possiamo immaginare e che facevano soffrire moltissimo Suor Faustina che, tra l'altro, era impegnata a non lamentarsi mai e a non replicare mai alle accuse, nemmeno a quelle ingiuste e false.
Di episodi spiacevoli Suor Faustina ne cita alcuni.

giovedì 21 gennaio 2021

Il Mio amore non delude nessuno

Una delle Madri, quando venne a conoscere il mio stretto rapporto con Gesù, mi disse che ero una povera illusa.
Mi disse che Gesù manteneva rapporti simili solo coi santi «e non con anime peccatrici come lei, sorella». 
Da quel momento fu come se diffidassi di Gesù. 
In un colloquio mattutino dissi a Gesù: «Gesù, non sei per caso un'illusione?» 
Gesù mi rispose: «Il Mio amore non delude nessuno».
Diario di Suor Faustina


mercoledì 20 gennaio 2021

Le grazie attraverso l'immagine

Attraverso questa immagine concederò molte grazie, perciò ogni anima deve poter accedere ad essa.
Gesù a Suor Faustina
Diario


domenica 17 gennaio 2021

So chi sei: il padre della menzogna!

Verso sera, mentre salivo le scale, all'improvviso mi prese una strana svogliatezza per tutto ciò che è divino.
Ad un tratto udii satana che mi diceva: «Non pensare affatto all'opera, Dio non è così misericordioso, come dici tu. Non pregare per i peccatori, tanto essi si danneranno lo stesso e con quest'opera della Misericordia tu stessa ti esponi alla dannazione. Non parlare mai della Divina Misericordia col confessore e specialmente non ne parlare con Don Sopocko e con Padre Andrasz».
A questo punto la voce prese l'aspetto dell'angelo custode.
Allora risposi: «So chi sei: il padre della menzogna!»
Feci il segno della santa croce e quell'angelo scomparve con gran fracasso e rabbia.
Diario di Suor Faustina

sabato 16 gennaio 2021

Povera casa, dove tutti stanno bene!

A volte la disperazione ci assale perché nella nostra famiglia ha fatto il suo ingresso la prova della malattia. A volte una prova grave! Ma quella prova l'ha permessa Gesù per i Suoi disegni, per il Regno di Dio. E per quella prova sono disposte anche grandissime grazie. Ecco cosa ci dice Suor Faustina nel Diario:
Nelle persone ammalate o sofferenti, dobbiamo scorgere Gesù inchiodato in croce e non un parassita o un membro improduttivo. 
L'anima che soffre e accetta la volontà di Dio attira più benedizioni che non le persone che lavorano. 
Povera casa, dove tutti stanno bene! 
Dio concede molto spesso grazie grandi e numerose in considerazione delle persone sofferenti e allontana molti castighi unicamente per riguardo a loro.

venerdì 15 gennaio 2021

Benedire Gesù sempre e comunque

Dio può comportarsi con me come Gli piace e io Lo benedirò per ogni cosa.
Santa Faustina, Diario


lunedì 11 gennaio 2021

Sentii che ero una piccola bimba

Quando entrai in cappella sentii come se tutto si fosse staccato dalla mia anima, come se fossi appena uscita dalle mani di Dio. 
Sentii l'inafferrabilità della mia anima. Sentii che ero una piccola bimba. All'improvviso vidi interiormente il Signore, il quale mi disse: «Non temere, figlia Mia, Io sono con te». 
In quello stesso momento svanirono tutte le tenebre e le angosce, i sensi furono inondati da una gioia indescrivibile, le facoltà dell'anima ripiene di luce.
Diario di Suor Faustina (I Quaderno, parte II)

domenica 10 gennaio 2021

Preghiera per ottenere la conversione di un peccatore

Per ottenere la conversione di un peccatore dobbiamo chiedere l'intercessione di Suor Faustina Kowalska e recitare con fede viva la seguente invocazione, consegnata da Gesù alla santa:
O sangue ed acqua che scaturisci dal cuore di Gesù, come sorgente di misericordia per noi, io confido in Te!
Ha detto a Suor Faustina il Signore Gesù: Quando, con fede e con cuore contrito, Mi reciterai questa preghiera per qualche peccatore Io gli darò la grazia della conversione.
Dopo simili parole, parole di Gesù!, cosa mai dovremmo temere? Non dobbiamo temere alcunché perché siamo certissimi che Gesù toccherà il cuore della persona da Lui lontana e gli darà la grazia della conversione.
Per ogni preghiera possiamo chiedere la conversione di un peccatore specifico, ma non dobbiamo mai scordare di chiedere l'intercessione di Suor Faustina, perché proprio lei ha lasciato detto che avrebbe proseguito la sua missione anche dal Cielo.
Ogni giorno quando vediamo persone che sono lontane dalla fede invochiamo fiduciosi l'intercessione di Suor Faustina e recitiamo questa preghiera.
Al resto penserà il Signore Gesù.

giovedì 7 gennaio 2021

Per un giorno, nessuna anima è finita all'inferno!

Dobbiamo ricordarci della data dell'8 gennaio 1937. In quel giorno, infatti, le preghiere di Santa Faustina hanno saputo smuovere la misericordia di Gesù fino al punto da salvare dal fuoco dell'inferno tutte le anime decedute in quella data.
Dal Diario di Suor Faustina (8 gennaio 1937):
Durante la santa Messa ho sentito in modo particolare la presenza del Signore. Dopo la santa Comunione guardai con fiducia il Signore e Gli dissi: «Desidero tanto dirTi una cosa».
Ed il Signore si rivolse verso di me con amore e disse: «E cosa desideri dirMi?» 
«Gesù, Ti prego per l'inconcepibile potenza della Tua Misericordia, che tutte le anime che muoiono oggi evitino il fuoco dell'inferno, anche se sono i più grandi peccatori. Oggi è venerdì, che ricorda la Tua dolorosa agonia sulla croce; siccome la Tua Misericordia è inimmaginabile, gli angeli non si meraviglieranno per questo». 
E Gesù mi strinse al Suo Cuore e disse: «Figlia amata, hai conosciuto bene l'abisso della Mia Misericordia. Farò come chiedi, ma unisciti continuamente al Mio Cuore agonizzante e soddisfa la Mia giustizia. Sappi che Mi hai chiesto una cosa grande, ma vedo che te l'ha suggerita il puro amore verso di Me; per questo esaudirò la tua richiesta».

martedì 5 gennaio 2021

L'enormità dell'amore di Dio nell'Epifania

6 gennaio 1937.
Oggi durante la S. Messa mi sono immersa inconsapevolmente nell'infinita Maestà di Dio. Tutta l'enormità dell'amore di Dio mi ha inondato l'anima.
In quel particolare momento ho conosciuto in che grande misura Dio si è abbassato per me, il Signore dei signori. 
E cosa sono io miserabile, che tratti così familiarmente con me? 
Lo stupore che mi ha invaso dopo quella grazia particolare è durato in modo molto accentuato per tutta la giornata. 
Approfittando della confidenza, alla quale il Signore mi ammette, L'ho pregato per tutto il mondo. In quei momenti mi sembra che tutto il mondo dipenda da me.
Diario di Suor Faustina

domenica 3 gennaio 2021

Gesù, che conosci la mia debolezza, resta con me durante quest'anno

Quando penso ad un santo augurio per un compleanno, non posso pensare che a questa invocazione di Suor Faustina...
Dal Diario di Suor Faustina:
Gesù, che conosci la mia debolezza, resta con me durante quest'anno. 
Sostieni il mio essere, guida le mie azioni: sii per me «il maestro». 
M'impaurisce la mia miseria, ma mi rassicura il pensiero della Tua misericordia, che è più grande della mia miseria sulla misura dell'eternità. 
Quando io provo questa convinzione, sento su di me il Tuo potere. 
O gioia, che derivi dalla conoscenza di noi stessi! 
O verità immutabile d'un'infinita misericordia, il tuo valore è eterno!