domenica 14 luglio 2019

Gesù ama le anime silenziose

Quando penso al chiasso dei social network, alla infinita molteplicità di voci che si rincorrono, alla frenesia nel voler essere originali a tutti i costi, al desiderio di ricevere il consenso altrui, all'incredibile bombardamento di opinioni e pareri a cui ci sottoponiamo ogni giorno e a cui partecipiamo ormai con una ritualità e una cura che moltissimi nemmeno riservano a Dio, ebbene... allora penso alle parole che Gesù ha detto in un'occasione a Suor Faustina. Quelle parole riportate dalla santa sono parole di grande precisione e, come sempre, molto importanti per capire cosa Gesù desidera per il nostro stesso bene.
Leggiamole insieme.
Dal Diario di Suor Faustina:
Il Signore mi ha fatto conoscere quanto non Gli piace un'anima che parla troppo. "In una tale anima non trovo riposo. Il chiasso mi stanca e in quel chiasso l'anima non distingue la Mia voce."

sabato 13 luglio 2019

Gesù può darci tutto

23 giugno 1937. Mentre pregavo davanti al Santissimo Sacramento, improvvisamente le mie sofferenze fisiche scomparvero ed udli nell'anima una voce: 
«Vedi che in un attimo Posso darti tutto. Io non sono vincolato da nessuna legge».
Diario di Suor Faustina




martedì 9 luglio 2019

Il mio cuore è pieno di miseria, il Tuo cuore trabocca di misericordia

Gesù, che Ti sei degnato d'unire il mio cuore pieno di miseria al Tuo cuore che trabocca di misericordia, è proprio attraverso questo Tuo stesso cuore che io adoro Dio e Lo chiamo «Padre nostro».
O Dio, ricco di misericordia, diffondi questa Tua misericordia su tutto il mondo che hai creato e il culto verso questo Tuo divino attributo salga come una lode perenne fino a Te.
Dio eterno, ardentemente desidero adorare la Tua misericordia, che è il massimo di tutti i Tuoi attributi.
Vedo la mia incapacità e non pretendo di uguagliare gli abitatori del Tuo paradiso, ma anch'io quaggiù ho ricevuto da Te un modo di dare all'infinita Tua misericordia quel culto che le devo e che, grazie ad essa, mi eleva fino a Te.

domenica 7 luglio 2019

La misericordia di Gesù

La Mia misericordia agisce in tutti i cuori che le aprono la porta.
Gesù a Suor Faustina
Diario di Suor Faustina


sabato 6 luglio 2019

L'anima che ha fiducia in Gesù, ottiene

Più un'anima ha fiducia, più ottiene. Sono di grande conforto per Me le anime che hanno una fiducia illimitata, e su tali anime riverso tutti i tesori delle Mie grazie. 
Sono contento quando chiedono molto, poiché è Mio desiderio dare molto anzi moltissimo.
L'anima che confida nella Mia Misericordia è la più felice, poiché Io stesso ho cura di lei.
Nessun'anima, che ha invocato la Mia Misericordia, è rimasta delusa né confusa. Ho una predilezione particolare per l'anima che ha fiducia nella Mia Bontà.
Diario di Suor Faustina

lunedì 1 luglio 2019

Il diavolo non conosce l’obbedienza

Satana si può nascondere anche sotto il manto dell'umiltà, ma non è capace di indossare il manto dell'ubbidienza, ed è qui che si rivela tutto il suo traffico.
Diario di Suor Faustina


domenica 30 giugno 2019

Sopportare chi ci procura molestie

O mio Gesù, quanto è difficile sopportare sofferenze di questo genere! Quando qualcuno maldisposto verso di noi, ci procura qualche molestia, a me dispiace di meno. Ma non riesco a sopportare che qualcuno mi mostri la sua benevolenza e poi ad ogni passo mi metta i bastoni fra le ruote. Che grande forza di volontà occorre per amare un'anima del genere per amor di Dio! Talvolta si deve giungere fino all'eroismo per amare una tale anima, come comanda Iddio. Se si avessero rari contatti con quella persona, la cosa si sopporterebbe meglio, ma quando si vive assieme e si sperimenta ciò ad ogni passo, occorre un grande sforzo.

sabato 29 giugno 2019

Recita continuamente la Coroncina

Recita continuamente la Coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. I sacerdoti la consiglieranno ai peccatori come ultima tavola di salvezza; anche se si trattasse del peccatore più incallito se recita questa Coroncina una volta sola, otterrà la grazia dalla mia infinita Misericordia.
Gesù a Suor Faustina, Diario di Suor Faustina

martedì 25 giugno 2019

Una singola grazia accolta attira tante altre grazie

È giunta la settimana della confessione ed ho visto con gioia quel Sacerdote, che avevo conosciuto prima di venire a Wilno. L'avevo conosciuto in visione.
All'improvviso sentii nell'anima queste parole: «Ecco il Mio servo fedele; egli ti aiuterà a fare la Mia volontà qui sulla terra».
Io però non mi sono fatta conoscere da lui, come desiderava il Signore. E per un certo tempo ho lottato con la grazia.
In ogni confessione la grazia di Dio m'investiva misteriosamente, ma io non gli svelai la mia anima ed avevo intenzione di non confessarmi da quel Sacerdote.
Dopo tale proposito un'inquietudine tremenda s'impadronì della mia anima.
Dio mi rimproverò energicamente.
Quando svelai tutta la mia anima a quel Sacerdote, Gesù riversò sulla mia anima tutto un mare di grazie. Ora comprendo quello che è la fedeltà ad una singola grazia e come essa attiri una serie di altre grazie.
O mio Gesù, tienimi accanto a Te. Vedi come sono debole; da sola non faccio nemmeno un passo avanti. Per questo, o Gesù, devi stare continuamente con me come una madre presso un bambino debole e anche dì più.

lunedì 24 giugno 2019

Non preoccupatevi del domani

La metà del tempo di una persona qualsiasi passa in mezzo alle preoccupazioni per il futuro, quasi che ci appartenesse. Quasi che fossimo capaci - come dice Gesù nel Vangelo - di allungare anche di poco la durata del tempo che ci è stato concesso.
Già. Più siamo niente e più ci preoccupiamo di ciò che non siamo in grado di determinare.
Ecco allora l'importanza del messaggio che Gesù Misericordioso desidera farci arrivare attraverso le pagine del Diario di Suor Faustina, ecco che appare chiaro che Lui desidera che noi restiamo sereni e impegnati a vivere immersi nella Sua Misericordia perché al resto ci pensa Lui stesso e nella Sua volontà non c'é spazio per qualcosa che non è finalizzato al nostro stesso bene.
Dal Diario di Suor Faustina:
"Figlia Mia, nulla ti spaventi, né ti turbi. Conserva una profonda tranquillità. È tutto nelle Mie mani."


giovedì 20 giugno 2019

Corpus Domini, la preghiera di guarigione

Oggi è la santa festa del Corpus Domini, di Gesù nell'Eucaristia, corpo e sangue.
Per i nostri mali, Suor Faustina - che nella sua breve vita ha conosciuto ogni genere di infermità, del corpo e dell'anima - ci ha lasciato questa bellissima preghiera di guarigione.
Gesù il Tuo Sangue puro e sano circoli nel mio organismo malato, ed il Tuo Corpo puro e sano trasformi il mio corpo malato e pulsi in me una vita sana e forte.
Diario di Suor Faustina

mercoledì 19 giugno 2019

Un libro spalancato davanti alla nostra anima: la Passione

Gesù, Ti ringrazio per il libro che spalanchi davanti agli occhi dell'anima mia.
Questo libro è la Tua passione sostenuta per amor mio.
Da essa apprendo come si ama Dio e come si amano le anime. 
Il mio più grande desiderio è che tutte Ti conoscano, sappiano che sei la loro felicità eterna; credano nella Tua bontà e glorifichino la Tua misericordia.
Suor Faustina
Diario

domenica 16 giugno 2019

Sii adorata, o Santissima Trinità

Sii adorata, o Santissima Trinità, ora e in ogni tempo.
Sii adorata in tutte le Tue opere e in tutte le Tue creature. 
Ammirata ed esaltata la grandezza della Tua Misericordia, o Dio.
Diario di Suor Faustina




Suor Faustina fa esperienza della Santissima Trinità

Un certo momento la presenza di Dio penetrò in tutto il mio essere.
La mia mente venne singolarmente illuminata in modo da conoscere la Sua Essenza; Dio mi fece conoscere la Sua vita interiore. 
Vidi in ispirito le Tre Persone Divine, ma la loro Essenza è unica. Egli è Solo, Uno, Unico, ma in Tre Persone, ognuna delle quali non è più piccola né più grande; non c'è fra Loro differenza né in bellezza né in santità, poiché sono Uno. 
Uno, sono assolutamente Uno. 
Il Suo amore mi ha portato a questa conoscenza e mi ha unito a Sé. Quando ero unita con una, ero unita anche con la seconda e con la terza, poiché quando ci uniamo con una, per ciò stesso ci uniamo anche con le altre due Persone, così come lo siamo con una. 
Una è la Loro volontà, Uno Dio, benché Trino nelle Persone.

sabato 15 giugno 2019

Il Signore è spirito di pace

Il Tuo spirito, Signore,
è spirito di pace e nulla
riesce a turbare il mio intimo,
poiché vi dimori Tu, Signore.
Diario di Suor Faustina (Q. II, 761)


martedì 11 giugno 2019

Come ci parla Gesù

Scrivi che parlo loro con i rimorsi di coscienza, con gli insuccessi e le sofferenze, con le tempeste ed i fulmini; parlo con la voce della Chiesa, e, se rendono vane tutte le Mie grazie, comincio ad adirarMi contro di essi, abbandonandoli a se stessi e dò loro quello che desiderano.
Gesù a Suor Faustina

lunedì 10 giugno 2019

Per la salvezza non occorre fare pellegrinaggi in terre lontane

«Quanto mi addolora che le anime si uniscano così poco a Me nella santa Comunione! Attendo le anime ed esse sono indifferenti per Me. Le amo con tanta tenerezza e sincerità ed esse non si fidano di Me. Voglio colmarle di grazie, ma esse non vogliono riceverle. Trattano con Me come con una cosa inerte eppure ho un cuore pieno d'amore e di Misericordia. Affinché tu possa conoscere almeno un po' il Mio dolore, pensa alla più tenera delle madri, che ama molto i suoi figli, ma i figli disprezzano l'amore della madre. Immagina il suo dolore, nessuno riuscirà a consolarla. Questa è un'immagine ed una pallida somiglianza del Mio amore. Scrivi, parla della Mia Misericordia. Dì alle anime dove debbono cercare le consolazioni cioè nel tribunale della Misericordia, lì avvengono i più grandi miracoli che si ripetono continuamente.

domenica 9 giugno 2019

La Pentecoste

Mi sono alzata molto prima del solito e sono andata in cappella ad immergermi nell'amore di Dio.
Prima di ricevere la santa Comunione ho rinnovato a bassa voce i miei voti religiosi. 
Dopo la santa Comunione si è impadronito di me l'inconcepibile amore di Dio. 
La mia anima è stata in contatto diretto con lo Spirito Santo, che è lo stesso Signore, come il Padre ed il Figlio. Il Suo soffio ha riempito la mia anima di una tale gioia che invano mi sforzerei di descriverla, se volessi dare anche solo in parte un'idea di ciò che ha provato il mio cuore. 
Ovunque, per tutta la giornata, in qualunque parte fossi, con chiunque parlassi mi è stata compagna la viva presenza di Dio. 
La mia anima si è immersa nel ringraziamento per queste grandi grazie.
Diario di Suor Faustina (Pentecoste dell'anno 1938)

giovedì 6 giugno 2019

Per la recita di questa Coroncina...

Per la recita di questa Coroncina Mi piace concedere tutto ciò che Mi chiederanno. Se la reciteranno peccatori incalliti, colmerò di pace la loro anima, e l’ora della loro morte sarà serena. Scrivi questo per le anime afflitte: quando l’anima vede e riconosce la gravità dei suoi peccati, quando si svela ai suoi occhi tutto l’abisso di miseria in cui è precipitata, non si disperi, ma si getti con fiducia nelle braccia della Mia Misericordia, come un bambino fra le braccia della madre teneramente amata (...) Proclama che nessun’anima, che ha invocato la Mia Misericordia, è rimasta delusa né confusa. Ho una predilezione particolare per l’anima che ha fiducia nella Mia bontà. Scrivi che quando verrà recitata la Coroncina vicino agli agonizzanti, Mi metterò fra il Padre e l’anima agonizzante non come giusto Giudice, ma come Salvatore misericordioso. 
Gesù a Suor Faustina, Diario di Suor Faustina

domenica 2 giugno 2019

La lotta durerà fino alla morte

Figlia Mia, la lotta durerà fino alla morte, l'ultimo respiro la concluderà, vincerai con la mitezza.
Gesù a Suor Faustina
Diario di Suor Faustina


sabato 1 giugno 2019

Le prove sono la via per la formazione dell'anima

Trovo sempre luce e forza d'animo nella preghiera. 
Vi sono talvolta, però, momenti tanto difficili e penosi per me, che talvolta mi domando come ciò possa accadere in una casa religiosa. 
Sono convinta che Dio permetta talvolta cose strane unicamente con lo scopo di far giungere un'anima a una migliore formazione. 
A questo devono servire le contraddizioni della vita.
O vita grigia e piena di accadimenti incomprensibili in cui esercito la pazienza per ricavarne l'esperienza, pur imparando ogni giorno qualche cosa, m'accorgo di saper sempre troppo poco. 
Non mi scoraggio; ringrazio Dio, piuttosto, di costringermi a conoscere me stessa.
Diario di Suor Faustina

giovedì 30 maggio 2019

Sperimentavo spesso sul mio corpo la Passione del Signore

Gesù amatissimo, quanto hai sofferto per noi!
Noi non possiamo nemmeno immaginare il carico di dolore che hai preso su di Te per sollevarci dal peccato. E quanto ci lamentiamo delle più piccole sofferenze e persino delle più piccole contrarietà.
Quanto siamo lontani dalla santità di Suor Faustina che seppe accogliere una parte delle Tue sofferenze per implorare la Tua Misericordia salvifica per i peccatori del mondo intero.
Diario di Suor Faustina:
Sperimentavo spesso sul mio corpo la Passione del Signore, sebbene ciò non fosse visibile all'esterno; di questo sono contenta, poiché Gesù vuole così. 
Ma questo durò per un breve periodo. 
Quelle sofferenze accesero nella mia anima il fuoco dell'amore per Iddio e per le anime immortali. 
L'amore sopporterà tutto; l'amore andrà oltre la morte; l'amore non teme niente.


martedì 28 maggio 2019

Io prendo in prestito la loro bocca per parlare a te

Gesù ci parla attraverso i sacerdoti in confessione o nella direzione spirituale.
Dal Diario di Suor Faustina:
Questa sera il Signore mi ha detto: «Affidati completamente a Me nell'ora della morte e io ti presenterò al Padre Mio come Mia sposa. Adesso ti raccomando di unire ai Miei meriti le tue azioni anche le più piccole ed allora il Padre Mio le guarderà con amore come se fossero Mie. Non cambiare l'esame particolare che ti ho dato tramite Padre Andrasz, quello cioè di unirti continuamente a Me; questo è quanto oggi esigo chiaramente da te. Sii come una bambina di fronte ai Miei rappresentanti, poiché Io prendo in prestito la loro bocca per parlare a te, in modo che tu non abbia dubbi di alcun genere».


lunedì 27 maggio 2019

O Giglio più bello

O Maria, o Vergine,
o Giglio più bello,
il Tuo cuore
è stato il primo tabernacolo
per Gesù e sulla terra.
Diario di Suor Faustina
Q. I, 161


sabato 25 maggio 2019

Dio abita in me ed io vivo in Lui!

E per quanto riguarda la mia anima, lo dico in una parola: Dio abita in me ed io vivo in Lui!
Pradnik, 24 marzo 1937
Lettera di Suor Faustina a Don Michele Sopocko


giovedì 23 maggio 2019

martedì 21 maggio 2019

All'improvviso vidi Gesù Crocifisso

All'improvviso vidi Gesù Crocifisso, che mi disse: «Cerca la forza e la luce nella mia Passione».
Terminata la confessione, meditai la tremenda Passione di Gesù è passato che soffrivo era nulla a confronto della Passione del Salvatore e ogni altra più imperfezione era stata la causa di quella tremenda Passione.
La mia anima è presa da un grande pentimento e solo dopo che è nel mare sconfinato della Misericordia di Dio.


lunedì 20 maggio 2019

Affidarsi in tutto a Dio

Oh! Quanto è bene
affidarsi in tutto a Dio
e permettere a Dio
di agire pienamente
nella nostra anima.
Diario di Suor Faustina, Q. I, 134


sabato 18 maggio 2019

Scudo e difesa dei deboli cuori

O Maria,
Vergine Immacolata,
puro cristallo per il mio cuore,
Tu sei la mia forza,
o àncora potente,
Tu sei lo scudo e la difesa
dei deboli cuori.
Diario di Suor Faustina
Q. I, 161


L'amore per la Santa Comunione

In questi tempi in cui tutto sembra a volte farsi confuso sull'importanza dell'Eucaristia e della necessità di ricercare Gesù in essa con l'anima mondata dai peccati con la confessione, ecco che Gesù stesso ci offre le direttrici giuste e lo fa con parole semplici che non lasciano adito a dubbi.
Diario di Suor Faustina:
Una volta avevo un gran desiderio di accostarmi alla Santa Comunione, ma avevo un certo dubbio e non mi accostai.
Per questo motivo soffrii tremendamente. 
Mi sembrava che il cuore mi si spezzasse dal dolore. Quando mi dedicai ai miei impegni col cuore pieno d'amarezza, Gesù apparve improvvisamente accanto a me e mi disse: «Figlia Mia, non tralasciare la S. Comunione, se non quando sei ben consapevole di essere caduta gravemente. All'infuori di ciò non ti trattenga alcun dubbio dall'unirti a Me nel Mio mistero d'amore. I tuoi piccoli difetti spariranno nel Mio amore, come una pagliuzza gettata in un grande incendio. Sappi questo, che Mi rattristi molto quando ometti di riceverMi nella S. Comunione».


venerdì 17 maggio 2019

Salvare un peccatore in agonia

“Figlia Mia, aiutaMi a salvare un peccatore in agonia; recita per lui la coroncina che ti ho insegnato”. 
Quando cominciai a recitare la coroncina, vidi quel moribondo fra atroci tormenti e lotte. Era difeso dall’angelo custode, il quale però era come impotente di fronte alla grande miseria di quell’anima (...) Ma mentre recitavo la coroncina vidi Gesù nell’aspetto in cui è dipinto nell’immagine. I raggi che uscirono dal Cuore di Gesù avvolsero il malato e le potenze delle tenebre fuggirono provocando scompiglio. Il malato spirò serenamente.
Diario, di Suor Faustina


giovedì 16 maggio 2019

Il miracolo della Divina Misericordia

Infelici coloro che non approfittano di questo miracolo della Divina Misericordia!
Lo invocherete invano, quando sarà troppo tardi!
Diario di Suor Faustina


mercoledì 15 maggio 2019

Due immagini?

Nel 1943, dieci anni dopo la realizzazione della prima immagine di Gesù Misericordioso a Vilnius (Lituania) e cinque anni dopo la morte di Suor Faustina a Cracovia (Polonia), il pittore Adolf Hyla si presentò a Cracovia Lagiewniki.
Parlò con le suore della Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia svelando il suo desiderio di dipingere un quadro. Voleva fare un dono per la cappella della congregazione, offrendolo come ex-voto di ringraziamento a nome di tutta la sua famiglia salvata dalla guerra.
Le Suore gli proposero di dipingere un’immagine di Gesù Misericordioso. Come modello presentarono all’artista una riproduzione della prima immagine dipinta da Kazimirowski con la partecipazione di Suor Faustina. Allegarono anche la descrizione dell’immagine contenuta nel diario di Suor Faustina.

lunedì 13 maggio 2019

Maria è la mia Maestra

Maria è la mia Maestra,
che m'insegna sempre
come vivere per Iddio.
O Maria, il mio spirito
s'illumina nella Tua mitezza
e umiltà.
Diario di Suor Faustina, Q. II, 620


domenica 12 maggio 2019

La Madonna mi custodisce

Vivo sotto il manto verginale della Madonna.
Essa mi custodisce ed ammaestra.
Diario di Suor Faustina
Q. III, 1097


sabato 11 maggio 2019

Fortifica la mia anima, Madre della Grazia

Fortifica la mia anima,
in modo che il dolore non la spezzi.
O Madre della Grazia, 
insegnami a vivere con Dio.
Diario di Suor Faustina, Q. I, 315


venerdì 10 maggio 2019

Io ho dato al mondo il Salvatore

Io ho dato al mondo il Salvatore e tu devi parlare al mondo della Sua grande Misericordia e preparare il mondo alla Sua seconda venuta.
Maria Santissima a Suor Faustina
Diario, Q. II, 635


giovedì 9 maggio 2019

Dio sopra ogni cosa

Sebbene mi occupi di tante cose e mi stia a cuore, Signore, l'opera che mi hai affidato; sebbene desideri la salvezza delle anime e mi addolori ogni loro caduta nel peccato; per quanto pianga su tutte le persecuzioni che soffrono i tuoi fedeli, provo tuttavia dentro di me una grande pace che né i trionfi, e nemmeno le sconfitte, possono scuotere, perché tu sei per me al di sopra di ogni cosa.
Signore mio e mio Dio, fa che avvenga altrettanto dentro ad ogni anima fedele.
Diario di Suor Faustina

mercoledì 8 maggio 2019

Io ti accompagno con la mia tenerezza

Non aver paura di nulla; sii fedele fino alla fine.
Io ti accompagno
con la mia tenerezza.
Maria Santissima a Suor Faustina
Diario, Q. II, 635


martedì 7 maggio 2019

Figlia mia, voglio da te preghiera

Figlia mia, voglio da te preghiera, preghiera  e ancora una volta preghiera per il mondo e specialmente per la tua patria.
Maria Santissima a Suor Faustina
Diario di Suor Faustina, Q. I, 325


lunedì 6 maggio 2019

La forza della preghiera e la furia del diavolo

Ancora una volta Suor Faustina ci trasmette la volontà di Gesù per noi di pregare, pregare intensamente per le persone che ci stanno a cuore e per i poveri peccatori. La preghiera fervorosa e costante è un'arma potentissima che Gesù Misericordioso ha messo nelle nostre mani. La preghiera, il completo affidamento e l'accettazione delle sofferenze. Non dimentichiamolo mai.
Diario di Suor Faustina (6-1-1938)
Pregando per i peccatori ed offrendo tutte le sofferenze sono andata incontro agli attacchi del demonio.

domenica 5 maggio 2019

5 maggio 2000: Papa Giovanni Paolo II istituisce la Festa della Divina Misericordia

5 maggio 2000: La Domenica dopo Pasqua è la Festa della Divina Misericordia.
Lo ha stabilito la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti emette il Decreto per la Domenica della Divina Misericordia. 
Ad approvare la festa fu Papa Giovanni Paolo II nel 1992 che la fissò una settimana dopo la Pasqua, la cosiddetta “Domenica in albis”. A volerla, secondo le visioni avute da suor Faustina Kowalska, la religiosa polacca canonizzata da Wojtyla nel 2000, fu Gesù stesso. Dove è stata celebrata per prima questa ricorrenza?
Il card. Franciszek Macharski con la Lettera Pastorale per la Quaresima (1985) ha introdotto la festa nella diocesi di Cracovia e seguendo il suo esempio, negli anni successivi, lo hanno fatto i vescovi di altre diocesi in Polonia. Il culto della Divina Misericordia nella prima domenica dopo Pasqua nel santuario di Cracovia - Lagiewniki era già presente nel 1944. La partecipazione alle funzioni era così numerosa che la Congregazione ha ottenuto l'indulgenza plenaria, concessa nel 1951 per sette anni dal card. Adam Sapieha. Dalle pagine del Diario sappiamo che suor Faustina Kowalska fu la prima a celebrare individualmente questa festa con il permesso del confessore.

venerdì 3 maggio 2019

La Madonna parla delle tre virtù care a Dio

La Madonna parla a Suor Faustina delle virtù care a Dio.
Prima della santa Comunione ho visto la Madre SS.ma di una bellezza inconcepibile. Sorridendomi mi ha detto: «Figlia Mia, per raccomandazione di Dio debbo esserti Madre in modo esclusivo e speciale, ma desidero che anche tu Mi sia figlia in modo particolare. Desidero, figlia Mia carissima, che ti eserciti in tre virtù, che per Me sono le più care e a Dio le più gradite. La prima è l'umiltà, l'umiltà, e ancora una volta l'umiltà. La seconda virtù è la purezza. La terza virtù è l'amore per Iddio. In qualità di figlia Mia devi risplendere in modo particolare per queste virtù».
Dopo che ebbe finito di parlare, mi ha stretto al suo Cuore ed è scomparsa.
Diario di Suor Faustina

giovedì 2 maggio 2019

La novena delle mille Ave Maria

Con grande fervore mi sono preparata a celebrare la festa dell'Immacolata Concezione della Madre di Dio. Ho vigilato maggiormente sul raccoglimento dello spirito ed ho meditato su questo Suo privilegio esclusivo. Per questo il mio cuore si è immerso tutto in Lei, ringraziando Iddio per aver concesso a Maria questo grande privilegio.
Non mi sono preparata soltanto con la novena comune, che fa assieme tutta la comunità, ma mi sono impegnata anche personalmente per salutarLa mille volte al giorno, recitando ogni giorno per nove giorni mille Ave Maria in Suo onore.
È già la terza volta che faccio una novena del genere alla Madonna, quella che consiste nella recita di mille Ave Maria al giorno, cioè novemila Ave Maria per tutta la novena.

mercoledì 1 maggio 2019

I voti perpetui

1 Maggio 1933.
L'unione con Gesù nel giorno dei voti perpetui. 
O Gesù, il Tuo Cuore è da oggi mia proprietà, ed il mio cuore è Tua proprietà esclusiva. Il semplice ricordo del Tuo Nome, o Gesù, è una delizia per il mio cuore. In verità non potrei vivere nemmeno un istante senza di Te, o Gesù! Oggi la mia anima è annegata in Te, come nell'unico suo tesoro. il mio amore non conosce impedimenti nel dare dimostrazioni d'attaccamento al suo Diletto. 
Parole di Gesù durante la funzione dei voti perpetui: «Mia Sposa, i nostri cuori sono uniti per l'eternità. Ricordati a chi sei impegnata...». 
Non è possibile riferire tutto!

Non lasciarsi travolgere dalla frenesia del lavoro

Nella festa di San Giuseppe Lavoratore, in cui si ricorda il lavoro, ecco qualcosa che dovrebbe riguardarci tutti, sia quelli che hanno il lavoro che quelli che rischiano di perderlo, sia quelli che - a volte con disperazione - ancora lo cercano.
"Non lasciarsi travolgere dalla frenesia del lavoro; interrompere un momento per guardare verso il cielo."
Diario di Suor Faustina
Sia Gesù Misericordioso, commosso da quel nostro sguardo, a disporre come meglio crede per i nostri bisogni di lavoro, di lavoro stabile.


martedì 30 aprile 2019

Canonizzazione della Beata Suor Faustina Kowalska

Domenica, 30 aprile 2000, omelia del Santo Padre Giovanni Paolo II.
"Celebrate il Signore perché è buono, perché eterna è la sua misericordia" (Sal 118, 1). Così canta la Chiesa nell'Ottava di Pasqua, quasi raccogliendo dalle labbra di Cristo queste parole del Salmo; dalle labbra di Cristo risorto, che nel Cenacolo porta il grande annuncio della misericordia divina e ne affida agli apostoli il ministero: "Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi... Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi" (Gv 20, 21-23).
Prima di pronunciare queste parole, Gesù mostra le mani e il costato. Addita cioè le ferite della Passione, soprattutto la ferita del cuore, sorgente da cui scaturisce la grande onda di misericordia che si riversa sull'umanità.

Sarò santa?

In questa giornata di grandissima grazia per la canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta, sono tanto felice di parlarvi di un bellissimo episodio accaduto a Santa Faustina, allora semplice suorina di clausura. Una notte, Suor Faustina sognò Santa Teresa di Lisieux e e con lei ebbe un meraviglioso scambio di battute che è rimasto scritto nel Diario:
E io le dissi: «Santa Teresina, dimmi, andrò in Paradiso?»
Mi rispose: «Sorella, lei andrà in Paradiso».
«E sarò santa?»

Mi rispose: «Sarai santa».
«Ma, Teresina, sarò santa come te, sugli altari?»
Ed essa mi rispose: «Sì, sarai santa come me, ma devi avere molta fiducia in Gesù».

domenica 28 aprile 2019

La Festa della Divina Misericordia

E' la più importante di tutte le forme di culto alla Divina Misericordia. Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa a suor Faustina a Plock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia". Negli anni successivi - secondo gli studi di don I. Rozycki - Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.

sabato 27 aprile 2019

La Festa della Divina Misericordia e il dono dell'indulgenza plenaria

La Domenica dopo Pasqua è la Festa della Divina Misericordia.
Una festa voluta da Gesù, ottenuta per il tramite di Santa Suor Faustina e stabilita da Papa Giovanni Paolo II.
Gesù ci ha detto: "In quel giorno, chi si accosterà alla sorgente della vita questi conseguirà la remissione totale delle colpe e delle pene". (Diario di Suor Faustina)
La festa della Divina Misericordia è la più importante di tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia. Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa a suor Faustina a Plock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia" (Q. I, p. 27). Negli anni successivi - secondo gli studi di don I. Rozycki - Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.